adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Ritorno alla vita

sabato 26 Settembre, 2015 | di Vincenzo Palermo
Ritorno alla vita
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Del fingere poetando un sogno”
Il “ritorno alla vita” di Wim Wenders possiede la vis tragica di un trattato poetico steso su una brillante tavolozza cromatica che consente al regista di riflettere sul cinema come racconto salvifico tra colpa e riscatto.

Alla fine è tutta questione di sfumature e di “fingere poetando un sogno”. Il film inizia come una favola sospesa tra i mulinelli di neve, prosegue come un racconto di redenzione che si colora di tinte cospirazioniste e si chiude come un apologo dal forte accento melodrammatico. Evocativo mélange del “pittore della luce”, mediacritica_ritorno_alla_vita_290capace di regalare ad ogni oscurità la sua parte d’illuminazione. Non c’è bianco e non c’è nero, solo il quieto divenire che trasfigura il male nel bene lungo una continua osmosi che è anche l’allegoria della sua poetica; e della malinconia della vita, quel “vento freddo” di cui parla Charles d’Orléans che accarezza l’uomo dinanzi uno specchio o quando, ombra tra le ombre, è curvo su un libro. Di questo vive Tomas (James Franco), di parole e solitudine, anche quando sta insieme alla compagna Sara, fantasma tra le righe di un (suo) romanzo. Dopo l’ennesima discussione lo scrittore decide di guidare tra gli spruzzi di neve, ma una slitta gli si para davanti. Un bambino è salvo, e Tomas lo riporta dalla madre, l’altro non ce la fa. Le conseguenze dell’evento avranno dolorose ripercussioni. Quando si discosta dall’indagine del reale scontrandosi coi demoni della fiction, Wenders − dominato dall’ansia poetica − cattura le immagini come in un impasto luministico bruegeliano, in cui il colore mette in evidenzia i dettagli e i fondali paesistici creano un’atmosfera di “allarmante” sospensione, perché, in fin dei conti, l’imprevisto è sempre dietro l’angolo. I piccioni del quadro Cacciatori nella neve siamo noi spettatori, curiosi e unici testimoni dello sfacelo morale che vive Tomas tentando di riabilitarsi alla vita, che subisce Kate − un’intensa Charlotte Gainsbourg − dopo la rielaborazione del lutto, che inevitabilmente tocca Sara e, in modo ossessivo, il fratellino superstite della tragedia. Le acque su cui slittano i corpi-involucro mentre fingono (immaginano) di vivere altre vite, sono specchio della fredda liquidità in cui ristagnano i protagonisti, congestionati dagli eventi ma desiderosi di guardare ad un nuovo orizzonte. Tutti gli elementi del film, delicato nel suo intimo struggimento – dalle musiche di Desplat che sottolineano il pathos con suadenti partiture emotive, alla sceneggiatura di Bjørn Olaf Johannessen, fino al 3D che “sensorializza” il crepuscolare dramma degli affetti – si inscrivono in un disegno complessivo in cui la finzione della scrittura rivaleggia con le aspirazioni personali di rivalsa e riscatto.

Ritorno alla vita [Every Thing Will Be Fine, Germania/Canada/Norvegia/Svezia 2015] REGIA Wim Wenders.
CAST James Franco, Charlotte Gainsbourg, Rachel McAdams, Marie-Josée Croze, Robert Naylor. SCENEGGIATURA Bjørn Olaf Johannessen. FOTOGRAFIA Benoît Debie. MUSICHE Alexandre Desplat.
Drammatico, durata 118 minuti.

3 Comments

  1. Morgana says:

    Visto ieri! Intenso e coinvolgente davvero!

  2. JaneLane says:

    mi hai convinta, avevo un po’ paura dell’eccesso melodrammatico.

  3. Walt says:

    è un Wenders nostalgico, malinconico, freddo. E non è un male!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly