adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Green Inferno

sabato 26 Settembre, 2015 | di Lisa Cecconi
The Green Inferno
Film History
6
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CANNIBALI!
Non sparate sullo smartphone
I paragoni non si dovrebbero mai usare a unico metro di giudizio di un film. Ma se lo intitoli The Green Inferno e lo infarcisci di citazioni esplicite qualche confronto bisognerà pur farlo. Del Cannibal Holocaust di Ruggero Deodato, Eli Roth non richiama soltanto quell’ ”inferno verde” di cui parlava la troupe del ’79.

La stessa sequenza di apertura, con le imponenti riprese aree sulla Foresta dell’Amazzonia, è un omaggio più che sufficiente a rivendicarne la filiazione. In effetti, si parla di cannibali, di giungle insidiose e di colpe occidentali. Deodato ripercorreva le sanguinose tracce di una troupe televisiva scomparsa tra i cannibali, Roth segue quelle di un gruppo di attivisti intenzionati a salvare l’Amazzonia. Le premesse ci sono tutte, anche perché occupano più di metà del film, ma lo sviluppo è tutta un’altra storia.mediacritica_the_green_inferno_290 Per quanto vituperato con l’accusa di snuff movie ed effettivamente colpevole di violenze sugli animali, Cannibal Holocaust è un film con indiscutibili meriti di forma e contenuto. La perfezione del realismo ricercato dal regista, tanto nella tecnica della camera a mano che nel trattamento della pellicola appositamente graffiata, per non parlare della potenza scenografica delle scene girate tra gli indios, rendevano il film di Deodato un audace esempio di regia, inquietante e credibile al tempo stesso. L’accusa ai media sensazionalisti e alle efferatezze dei cosiddetti civili strappavano lo spettatore dalla sua zona di comfort, vestendolo dei panni disturbanti del carnefice voyeur. C’era satira e autoironia, c’era il Vietnam e l’ipocrisia borghese. Cosa ne resta in The Green Inferno? Molto poco, tecnicamente. L’indiscussa bellezza delle riprese aeree e l’impatto suggestivo offerto dagli indigeni coperti di sangue non bastano a compensare una perdita di efficacia proporzionale alla mancanza di credibilità. Non che si pretendesse un found footage ormai inflazionato, ma qui si parla di rapide che non trascinano per più di 100 metri, bambini che tagliano gole che non raggiungono in altezza e trascuratezze di questo genere, senza contare che una bustina di marjuana è in grado di sballare un intero villaggio, alla faccia di tutta l’erba di Grace. Certo il maltrattamento di animali è un pericolo scongiurato: giaguari e formiche, peraltro illesi, sono frutto di blanda CGI. Anche il messaggio è piuttosto tiepido: la satira verso l’attivismo dell’ultima ora, che affronta i sabotaggi come gite turistiche ed è pronto a scendere a compromessi in cambio di un po’ di visibilità, poteva essere uno spunto interessante. Ma si stempera nel dualismo tra un leader ipocrita e senza scrupoli e un’idealista pura su tutti i fronti, così come la critica all’esercito che stermina gli indigeni non impedisce di rappresentarlo in veste di cavalleria nel rocambolesco salvataggio finale. Una continua oscillazione che finisce con l’annacquare il film, almeno quanto le sequenze di comicità demenziale. Più riuscita la riflessione sui media, con gli smartphone in veste di feticcio e unica interfaccia con la realtà, nella doppia funzione di arma e di scudo brandito dal gruppo come una bandiera. Ma se nel film del ’79 una radio “tamburo tribale” salvava la vita incantando gli indigeni, qui si conquista l’aiuto di un bambino con il fischietto della nonna. Un espediente che, dopo tanta attesa, non smorza certo la delusione.

The Green Inferno [id., USA 2013] REGIA Eli Roth.
CAST Lorenza Izzo, Ariel Levy, Aaron Burns, Sky Ferreira, Nicolàs Martìnez.
SCENEGGIATURA Guillermo Almoedo, Nicolàs Lòpez, Eli Roth. FOTOGRAFIA Peter Hannan. MUSICHE Manuel Riveiro, Antonio Quercia.
Horror, durata 103 minuti.

6 Comments

  1. Ivan Luis says:

    Concordo con l’autrice del pezzo! Dopo così tanta attesa, davvero ma davvero un filmetto di pochissimo conto…

  2. The Duke says:

    A me non è dispiaciuto… Credo che sia un film molto instabile stilisticamente, che dice poco sul piano estetico, ma che ha un sottile cinismo che funziona, soprattutto nella parte finale. Non c’è praticamente un personaggio positivo e questo amplifica il discorso sui new media e sul potere illusorio che essi possono conferire a chi li utilizza. Insomma, non l’ho trovato un film stupido, semmai un film con poca personalità.

  3. Vins says:

    Devo ancora vederlo ma questo articolo è stato illuminante, in senso non proprio positivo…

  4. Vins says:

    Anche io ho paura di rimanere deluso 🙁

  5. Martina c says:

    Forse non andrò a vederlo…

  6. Lisa says:

    A prescindere dal fatto che consiglio di vederlo comunque- magari con il cinema a 3 euro:)- non ci ho visto un gran cinismo, più che altro l’ho trovato un po’ furbetto e incapace di mantenere una posizione. Anche nel finale le dichiarazioni di lei non l’hanno fatta apparire più negativa, semmai più idealista e per giunta in modo assolutamente poco credibile. Quanto al finale sui titoli di coda (evito spoiler)mi sembra che non abbia aggiunto nulla (si era già capito che la “legge della giungla” ha parametri diversi), mi è sembrato più un finale a effetto di quelli che vanno tanto e dicono poco. Ma la cosa peggiore è che rispetto allo spessore del filone cannibalico dei ’70-’80 mi sembrava di essere stata catapultata in Idiocracy. Cinismo? Boh. Quanto era cinica la scena della tarantola?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly