adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Suburra

lunedì 19 Ottobre, 2015 | di Edoardo Peretti
Suburra
In sala
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

Piangi Roma
Cambiando molti aspetti importanti del romanzo di De Cataldo e Bonini (romanzo non più che discreto, anche se assolutamente preciso, necessario e preveggente sul versante della cronaca), Sollima realizza un film cupissimo e nichilista, sconsolato più che arrabbiato.

La “Suburra” non è una parte di Roma, ma è Roma stessa, nella sua totalità: da questo punto di vista, è emblematica e inchiodante la frase di Samurai (una sorta di Papa della malavita romana, reduce della Magliana, interpretato magnificamente da Claudio Amendola), che risponde alle accuse di avere ucciso un vecchio camerata dicendo “L’ha ucciso Roma” . mediacritica_suburra_290Non a caso, lo scarto più importante rispetto all’opera letteraria è proprio la totale assenza di personaggi positivi, siano essi – come nel romanzo – idealisti, rappresentanti della legge o uomini tutti d’un pezzo dal passato oscuro. Ne esce un film semplificato nell’intreccio e nelle connessioni politico/istituzionali, monodimensionale, manicheo nel ritratto dei personaggi e scolastico nelle metafore: paradossalmente però proprio questa semplicità è il punto di forza dell’opera, che intende rappresentare il nichilismo di fondo con i soli strumenti di uno stile barocco e rabbioso, estremamente iperrealista e muscolare, ma non per questo incapace di creare qualche momento di malata e allucinata poesia (come la sequenza in cui Numero 8, invasato boss di Ostia, affacciato alla finestra immagina come sarà il litorale romano dopo l’affare d’abusivismo edilizio intorno al quale ruota la vicenda). È evidente che basandosi sulla potenza stilistica e sulle fondamenta del genere action/noir purificate da ogni orpello si sia cercato di cogliere il confine tra epica e tragedia, trovandolo nella rappresentazione dura e pura dell’essenza di un male radicato fin nel più piccolo sanpietrino della Città Eterna. Eterna almeno fino all’Apocalisse raccontato nel film: sotto una pioggia incessante e quasi irreale, prima ancora che i personaggi e i loro progetti, è Roma – di (in ogni senso, non solo per la fotografia) nero vestita – a crollare. A partire dalle due sue istituzioni fondamentali: il potere religioso – con l’abdicazione di Benedetto XVI che viene quasi, tra le righe, dipinta come il motore scatenante delle vicende del film – e il potere politico, con la crisi di governo. Così, i panorami tipici della “Grande Bellezza” creano più paura che fascino, e i piccoli scorci del centro storico sono bui e opprimenti tanto quanto le stanze dei locali e degli alberghi dove il male e il crimine compiono il loro corso. Sarà inevitabile analizzare, come è stato per Romanzo Criminale, il film in un’ottica cross-mediale, dato che ne verrà prodotta una serie tv. Efficace colonna sonora degli M83, e grande gruppo d’interpreti, in cui ai punti vincono i superlativi Claudio Amendola e Alessandro Borghi.

Suburra [Italia 2015] REGIA Stefano Sollima.
CAST Claudio Amendola, Pier Francesco Favino, Elio Germano, Alessandro Borghi, Greta Scarano.
SCENEGGIATURA Stefano Rulli, Sandro Petraglia, Giancarlo De Cataldo, Carlo Bonini (tratta dal romanzo Suburra di Giancarlo De Cataldo e Carlo Bonini). FOTOGRAFIA Paolo Carnera. MUSICHE M83.
Noir/Drammatico, durata 130 minuti.

4 Comments

  1. Moschio says:

    A me non è piaciuto proprio! Ho trovato alcuni personaggi e alcune situazioni poco credibili. Secondo me per trattare la realtà politica e sociale del nostro paesello, già di per sé grottesche, bisogna utilizzare la chiave grottesca come fece Sorrentino in “Il Divo”. Però riconosco il fatto che sia un film ben girato, ma mi ha deluso…

    • Edop. says:

      Non credo fosse l’obiettivo del film fare un ritratto complessivo della situazione italiana; semmai il ritratto di un contesto particolare, quello romano, e soprattutto trovare l’epica del genere e attraverso quello un nichilismo che va oltre la rappresentazione sociale. Per fare un esempio con un regista diversissimo ma con qualche punto in comune, anche Scorsese non vuole fare rappresentazione sociale della società statunitense, ma descrivendo il mondo criminale qualcosa riesce comunque a dire. (scusa l’italiano improvvisato :))

  2. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2015 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly