adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Goodnight Mommy

sabato 7 Novembre, 2015 | di Filippo Zoratti
Goodnight Mommy
Festival
5
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

15° Science+Fiction – Festival della Fantascienza, 3 – 8 novembre 2015, Trieste

Come si cambia, per non morire
È bene sgombrare subito il campo dal fraintendimento che accompagna Goodnight Mommy – titolo internazionale di Ich seh, Ich seh, letteralmente “io vedo, io vedo” – fin dalle prime proiezioni alla 71a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia: l’esordio alla regia di Veronika Franz (moglie di Ulrich Seidl, che produce) e Severin Fiala non contiene alcun colpo di scena finale.

Nella maggior parte delle recensioni e delle analisi reperibili on line non si parla d’altro: di un film ben congegnato e strutturato, ma che cede sul finale rientrando nei canoni della prevedibilità. Non è così, per il semplice motivo che il presunto twist – che ovviamente eviteremo di descrivere, per non cadere nel più bieco degli spoiler – viene esplicitato fin dal primo dialogo, dal primo contatto fra la giovane madre senza nome e i suoi due figli gemelli Elias e Lukas. mediacritica_goodnight_mommy._290Sembra una questione di lana caprina, ma è il fondamento su cui si basa tutta la struttura di questo imprevisto e sorprendente thriller austriaco, oggetto alieno e destabilizzante che costruisce una sapiente sceneggiatura ad incastri e che pur giocando con tutti gli stilemi orrorifici che mandiamo a memoria non ne possiede (per fortuna) le derive di genere. C’è una donna sfigurata, privata della sua identità a causa di una plastica facciale; ci sono due fratellini identici e spettrali, che vivono in simbiosi quasi completando l’uno le frasi dell’altro; c’è una villa isolata dal mondo, geometrica e silenziosa. Il disinteresse per lo spavento fine a se stesso e per la violenza sanguinaria è pressoché totale, non sono questi gli elementi portanti di un’operazione al contrario fondata sull’attesa e le ellissi (spaziali e temporali), su di una malvagità elegante e provocatoria che cresce col passare dei minuti. La sotterranea e subdola oggettività di Goodnight Mommy confonde e disorienta lo spettatore, elidendo qualunque distinzione fra “buoni” e “cattivi” e non concedendo appigli se non quelli legati al dubbio: è davvero la madre dopo aver cambiato i connotati a non essere più se stessa o sono i ragazzini ad essere precipitati nella follia paranoide? Possiamo scegliere da che parte stare, ma servirebbe a ben poco: nella spirale infernale in cui piomba il trio protagonista l’essenziale è invisibile agli occhi, sarcasticamente e sadicamente nascosto fra le pieghe di indizi utili solo ad alimentare a dismisura l’inquietudine di chi guarda. Dopo la partenza in sordina alla Biennale 2014, il lavoro di Franz e Fiala si sta prendendo le giuste e inevitabili rivincite, dal Méliès d’Or ottenuto al Science+Fiction (pur non essendo neanche alla lontana un’opera di fantascienza, ma questo è un altro discorso) fino alla corsa all’Oscar come Migliore Film Straniero. Una corsa che – questo sì che sarebbe un colpo di scena – potrebbe proseguire a lungo.

Goodnight Mommy [Ich seh, Ich seh, Austria 2014] REGIA Veronika Franz, Severin Fiala.
CAST Susanne Wuest, Lukas Schwarz, Elias Schwarz, Elfriede Schatz.
SCENEGGIATURA Veronika Franz, Severin Fiala. FOTOGRAFIA Martin Gschlacht. MUSICHE Olga Neuwirth.
Thriller/Horror, durata 99 minuti.

Goodnight Mommy
3.9 9 77.78%

5 Comments

  1. Carol says:

    Film sorprendente. Chi fosse a caccia del colpo di scena finale, rimarrà deluso. D’accordo con la recensione!

  2. Gianduia says:

    Ma che tu sappia verrà distribuito?

  3. Doctor Zaius says:

    Anche se uscisse al cinema… il doppiaggio italiano lo stroncherebbe (come sempre). Meglio recuperarlo in originale in qualche altro modo per me!

  4. slapstick! says:

    D’accordissimo con la recensione e ottimo film; è vero anche però che l’ultimissima inquadratura è di troppo e forse stona un po’.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly