adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Ring (2002)

sabato 14 Novembre, 2015 | di Stefano Lalla
The Ring (2002)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE REMAKE MADE IN U.S.A.
L’arthouse film che uccide
Facciamo un esperimento mentale. Ipotizziamo di prendere un breve cortometraggio indipendente di tipo non narrativo e dai contenuti disturbanti e di mostrarlo, senza dare spiegazioni, a un’audience che ha poca familiarità col cinema d’autore. È facile immaginare una reazione di noia, presa di distanza e, in generale, rigetto.

Se, invece, lo stesso cortometraggio è contestualizzato all’interno di un meccanismo narrativo, ad esempio presentandolo come un film maledetto che uccide chi lo vede, ecco che il film non solo è accettato, ma diviene una delle sequenze cinematografiche più forti e citate dell’horror moderno.mediacritica_the_ring_290 È ciò che è accaduto con The Ring, che nel lontano 2002 ha terrorizzato le audience di tutto il mondo adattando il successo di Hideo Nakata (Ringu, 1998) e dando inizio a una breve invasione di J-Horror e dei relativi remake sul mercato occidentale (The Grudge, Dark Water). Gli anonimi (per il pubblico americano) volti giapponesi sono sostituiti da una Naomi Watts in stato di grazia dopo Mulholland Drive e da Martin Henderson, coppia separata che ha generato l’imprescindibile bambino inquietante che parla coi fantasmi (David Dorfman). Lei è una giornalista in carriera che indaga sul presunto video killer che, stando alle dicerie, è la causa della morte di sua nipote. L’adattamento è fedele e segue la traccia della pellicola originale scena per scena, andando a intervenire sui particolari. Alcuni interventi sono molto efficaci (l’idea che l’anello – ring – sia l’ultimo barlume di luce che Samara ha visto dal pozzo dove è morta, è un’intuizione del remake), altri più frivoli (la versione americana fa uso di gore e di jump scare mentre quella giapponese punta maggiormente sulle atmosfere snervanti). Nonostante gli interventi, The Ring conserva gran parte della qualità disturbante del film originale ed è stato uno dei maggiori successi di pubblico nel genere horror. Oltre a una storia ben strutturata, la forza del film sta nelle sequenze del filmato maledetto, molto più lungo che nella versione giapponese, e nell’uso delle tecnologie come mezzo di diffusione dell’orrore. I VHS piratati sono lo strumento col quale la maledizione si propaga, il telefono permette al mostro di comunicare rimanendo nell’anonimato e il televisore diviene, in una scena giustamente celebre, il mezzo con cui la morte entra nelle nostre case. Sono, insomma, le intuizioni di Hideo Nakata a rendere efficace The Ring, ma c’era bisogno dei faccioni americani perché potessimo apprezzarle fuori dai festival e dai luoghi dedicati al cinema orientale.

The Ring [id., USA/Giappone 2002] REGIA Gore Verbinski.
CAST Naomi Watts, Martin Henderson, David Dorfman, Brian Cox, Jane Alexander.
SCENEGGIATURA Ehren Kruger. FOTOGRAFIA Bojan Bazelli. MUSICHE Hans Zimmer.
Horror, durata 115 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly