adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei 2015

sabato 5 Dicembre, 2015 | di Redazione Mediacritica
Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei 2015
Festival
0
Facebooktwittermail

11° Passaggi d’Autore: intrecci mediterranei, 4 – 8 dicembre 2015, Sant’Antioco (CI)

In collaborazione con Passaggi d’autore 2015, pubblichiamo la prima di tre recensioni scritte durante il “Laboratorio di critica cinematografica” tenuto da Sara Martin e organizzato dal festival sardo.

Intrecci. Mediterraneo ritrovato
Tutto iniziò con un treno. A Sant’Antioco, l’undicesima edizione di Passaggi d’autore: intrecci mediterranei apre con un omaggio ai 120 anni del cinematografo. Dodici i corti selezionati da Guy Borlée, coordinatore del Il Cinema Ritrovato, che si e ci domanda “cos’è il cinema, se non un viaggiare?”: nello spazio, per chi fu; nel tempo, per tutti gli altri.

È proprio ai viaggiatori, agli esploratori dei mondi di celluloide che si rivolge, molto efficacemente, la clip animata che il curatore ha portato al festival per introdurre le attività della Cineteca di Bologna. Il contributo racconta i volti di Chaplin e della Loren, di Mastroianni, di Bergman, passando attraverso i decenni per le vie d’Europa o della grande America.mediacritica_passaggi_d_autore_290 Poi è arrivata la musica. Ad accompagnare i cortometraggi, Emanuele Contis (sax soprano, tromba e loop station), Andrea Granitzio (piano) e Guido Sodo (chitarra acustica, mandolino).
Spesso, in un cortometraggio, si tende a dare per scontato lo sposarsi delle immagini con le melodie proposte. L’esperienza di “Mediterraneo ritrovato” ha permesso di segmentare queste percezioni: Contis aveva avvertito, “a volte sarà la musica a descrivere le immagini, a volte le immagini parleranno da sole… ora suono, che parlo meglio”.
Vedere la musica unirsi fisicamente ai filmati, è stata la vera matrice dell’alchimia che ha contraddistinto l’evento. Quelle immagini del Novecento, riesumate e rese fruibili per noi cento anni dopo, erano già vive, vivissime. Ma ciò che ne ha suggellato l’esclusività è stata la musica. Quelle immagini che non verranno più raccontate nello stesso modo.
Siamo stati a Napoli (Naples, Italia 1927), sulle note del mandolino del maestro Soda, spesso in compagnia della sua voce, ma anche a Marsiglia (Le port de Marseille, Francia 1908), nella Spagna gitana (La Gitana-Sang Espanol, Francia 1908), in Egitto (Aegyptem-Alexandrien-Kairo, Germania 1915), in Tunisia (Le peche au thon en Tunisie, Tunisia 1905). Panorami diversi eppure funzionali, che ci hanno fatto pensare a come in realtà il Mediterraneo sia sempre stata una sola realtà, con mille sfaccettature diverse; gli “intrecci”, appunto.
In primo piano sempre l’operosità proletaria, le mani sapienti, la spocchia leggera di chi viaggia a cavallo; eppure a trasparire tra le note è la voglia di riunirsi, aldilà delle provenienze, delle caste. Esemplificativo il signorotto innamorato della figlia del pescatore (Robinet, pescatore per amore, Italia 1914), che si finge maldestramente uomo di mare per poter sposare la fanciulla. Le diversità sono una costante del tempo, ma con lui scorre la voglia di superarle. Speriamo di poterlo ritrovare questo mediterraneo, e con lui tutte le sinergie, lo stupore, la meraviglia per le nuove culture, la voglia di capirsi, di conoscersi, e infine, intrecciarsi.

Autori
mediacritica_arianna_laiArianna Lai
Studentessa di lingue e comunicazione, Arianna Lai è appassionata di pubblicità, giornalismo e social media marketing. Nel tempo libero teatrante e redattrice del blog #Arianna chi?

 

 

mediacritica_iacopo_coccoIacopo Cocco
Laureando in Scienze della Comunicazione, Jacopo Cocco è collaboratore radiofonico e appassionato di giornalismo e social media.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly