adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Downton Abbey – Season 6

sabato 9 gennaio, 2016 | di Lisa Cecconi
Downton Abbey – Season 6
Le migliori serie Tv 2016
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

“Sic transit gloria mundi”
Si è conclusa con il 2015 la sesta e ultima stagione di Downton Abbey, serie in costume anglo-americana scritta e ideata da Julian Fellowes. Degno epilogo dei 52 episodi l’atteso speciale di Natale, che ha magistralmente tirato le fila di una trama pazientemente tessuta e dei suoi intrecci elaborati. Dopo sei anni di reiterati successi, tra cui 12 Emmy Awards, 3 Golden Globes e 5 BAFTA, le vicende della famiglia Crawley, nobili proprietari della tenuta protagonista, hanno trovato il loro compimento in un finale denso e accurato, in linea con il disegno che soggiace all’intera serie.

Nello specifico, una parabola discendente: quella dell’aristocrazia post-edoardiana travolta dalla prima metà del Novecento. Nelle dinamiche relazionali in seno a Downton e nel succedersi degli eventi storici che la attraversano, si manifesta l’inesorabile trasformazione che il tempo opera nella società, da alcuni vista come una minaccia, per altri foriera di un diverso avvenire. mediacritica_downtown_abbey_290L’opposizione tra tradizione e cambiamento, tra un conservatore amore per lo status quo e un entusiasta spirito progressista, è il vero motore della trama verticale, trasversale ai diversi personaggi e all’altra essenziale dicotomia: quella tra nobili e servitù, giocata sull’alternarsi tra i lussuosi piani alti e gli umili locali seminterrati. Se il doppio livello della tenuta struttura l’evolversi dei rapporti interni, la dialettica tra passato e modernità si esprime talvolta in modo più sottile, come nella differenza che passa tra una chioma ondulata e un taglio alla maschietta; altre volte irrompe con veemenza a incrinare il microcosmo patinato di Downton, destabilizzandone certezze e prospettive con la mano pesante di una realtà che non usa convenevoli. I personaggi stessi se ne fanno portavoce, rivelando sotto opposti schieramenti sfumature inedite e insospettabili, pronte a trapelare dietro a un’alzata di sopracciglio o a un’impercettibile serrarsi di labbra. Regina indiscussa dell’eloquenza mimica, l’impareggiabile Lady Violet: la Contessa madre interpretata da Maggie Smith, con il suo pungente e incantevole sarcasmo, è l’incarnazione dello humour raffinato che permea i dialoghi dell’intera serie. La sua eterna querelle con la cugina Isobel, amante dell’uguaglianza e dell’informalità, regala momenti di spassoso snobismo, decisamente meno drammatici di quelli che oppongono le due nipoti antagoniste, la sofisticata Mary e l’apparentemente remissiva Edith. L’equilibrio delicato tra dramma e ironia è forse il merito più grande di Downton Abbey, che ha saputo rielaborare i topoi della soap opera alla luce di un umorismo tipicamente british e di una scrittura brillante e consapevole. La stessa che lascia intuire, dietro alla frivolezza di broccati e polsini, di tagli alla moda e posate d’argento, il lento sfaldarsi del mondo nobiliare, della sua vanagloria di dettagli impeccabili e immutabili riti di ostentazione. Nessuna sorpresa, quindi, se il principale depositario del passato è proprio l’anziano maggiordomo: l’irreprensibile Mister Carson che ai Crawley e a Downton ha dedicato l’intera esistenza. Nella sua impeccabile pignoleria, nella servile compitezza, si racchiude il microcosmo del tempo che fu, costretto a cedere il passo al futuro ormai imminente. In questo clima di decadenza agrodolce, Downton Abbey trova il suo lieto fine. O, per dirla con Lady Violet, “the english version of an happy ending”.

Downton Abbey [id., Gran Bretagna/USA 2010 – 2015] IDEATORE Julian Fellowes.
CAST Maggie Smith, Hugh Bonneville, Michelle Dockery, Elizabeth McGovern, Brendan Coyle.
Period Drama, durata 48 minuti (episodio), stagioni 6.

Downton Abbey – Season 6
3.5 2 70%

2 Comments

  1. harley_quinn says:

    Questa serie tv è qualcosa di unico e straordinario e i personaggi sono entrati tutti nei nostri cuori. Maggie Smith nei panni della Contessa Madre è il vuoto più difficile da colmare nella tv inglese. Speriamo Julian si decida a fare lo spin off su Robert e Cora da giovani e ci inserisca anche lei.

  2. Niccuc says:

    Sono all’inizio della sesta stagione e dico solo questo: che opera meravigliosa!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly