adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il figlio di Saul

sabato 23 Gennaio, 2016 | di Lisa Cecconi
Il figlio di Saul
In sala
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Dentro l’inferno
Nell’alienante routine del Sonderkommando, gruppi di prigionieri sono costretti ad assistere i nazisti, collaborando per gassare e cremare gli altri, in attesa della propria ora. Nel cadavere di un bambino Saul crede di riconoscere il figlio e tenta di tutto per dargli degna sepoltura.

È stato definito uno sguardo completamente inedito sulla Shoah, quello che l’esordiente ungherese László Nemes mette in scena con Il figlio di Saul. Nello specifico, uno sguardo in 4:3, chiuso sul volto di Saul Auslander e sul poco spazio che occupa il suo corpo dentro l’orrore smisurato di Auschwitz. La macchina da presa in semi-soggettiva gli arranca addosso sul volto terreo, sulla fissità dello sguardo di vetro e le fughe ristrette del suo campo visivo. Tutto il resto è relegato allo sfondo, una realtà distante, spesso sfocata, inevitabilmente mutila e parziale. Abitata da suoni mediacritica_il_figlio_di_saul_290inauditi, ordini immondi e grida strazianti. Ma anche da compiti e gerarchie di un microcosmo di devastazione. Spogliare i prigionieri per le docce di gas, spalare la cenere dei forni crematori, pulire il sangue e trascinare “i pezzi”, come i tedeschi chiamano i cadaveri delle vittime dello sterminio. Nemes sceglie un formato che nega la visione, la costringe al fuori campo di un rifiuto necessario, all’infilmabile che sfugge all’estetica: quella intesa come percezione di chi deve sopravvivere, prima ancora che come stile di rappresentazione. “Poiché tale è la natura umana”, scriveva Primo Levi, “che le pene e i dolori simultaneamente sofferti non si sommano per intero nella nostra sensibilità, ma si nascondono, i minori dietro ai maggiori, secondo una legge prospettica definita. Questo è provvidenziale e ci permette di vivere in campo”. Il lager mostrato da Nemes è dunque il lager di un individuo, perché si è soli nella non-vita del campo, e “già morti”, come sostiene Saul. Ma nella massa indistinta dei corpi, di chi muore e di chi sopravvive, ne riconosce uno come il proprio figlio, gli assegna una storia e un’identità. E sottrarlo al macello che annienta e smembra, all’autopsia che riduce in pezzi diventa il motore di una missione che spinge Saul all’insubordinazione. La ricerca di un rabbino per seppellire il ragazzo si trasforma nell’unica ragione di esistere, per la quale sfidare le regole e rischiare la pelle. Non si tratta più di eroismo o coraggio, concetti lontani di un mondo dissolto, ma di accidenti necessari al conseguimento di un obiettivo, un’esigenza irriducibile, più forte della disperazione. L’atto deliberato di un uomo nell’inferno, il cui unico motivo per vivere è restituire la dignità alla morte di un bambino.

Il figlio di Saul [Saul fia, Ungheria 2015] REGIA László Nemes.
CAST Géza Röhrig, Levente Molnár, Urs Rechn, Kamil Dobrowolski.
SCENEGGIATURA László Nemes, Clara Royer. FOTOGRAFIA Mátyás Erdély. MUSICHE László Melis.
Drammatico, durata 107 minuti.

Il figlio di Saul
3.3 9 66.67%

2 Comments

  1. Pingback: Trieste Film Festival 2016: sezione "Nuovo Cinema Rumeno" Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  2. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly