adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Steve Jobs

sabato 23 Gennaio, 2016 | di Luca Giagnorio
Steve Jobs
In Evidenza
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Parole parole parole
“Chi cazzo lo vorrebbe un PC?”; “Chi ha detto che il cliente ha sempre ragione, era un cliente”; “Non sanno che cosa stanno guardando e perché gli piace, ma lo vorranno”, e si potrebbe continuare per molto data la quantità di frasi ad effetto pronunciate da Steve Jobs nel nuovo film di Danny Boyle.

Geniale, visionario, irascibile, sprezzante, caustico, il fondatore della Apple è stato raccontato molte volte: figura controversa, ammantata per alcuni da un’aura quasi mitologica, uomo dal carattere difficile – “i tuoi prodotti sono migliori di te” (Steve Wozniak dixit) – che presentava il primo Macintosh come l’evento più importante del XX secolo insieme alla vittoria degli Alleati. Lo smisurato ego di Jobs non è però ancora sostenuto e legittimato da un pieno successo commerciale, anzi, e i dubbi del consiglio di amministrazione di Apple sono tanti:mediacritica_steve_jobs_290 “Vedremo se sei Leonardo da Vinci o se credi solo di esserlo”. Lo sceneggiatore Aaron Sorkin con Steve Jobs ha cercato di replicare il buon risultato (che gli valse l’Oscar per la Miglior Sceneggiatura Non Originale) ottenuto con The Social Network (2010) che, sotto la sapiente regia di David Fincher, raccontava con toni quasi da thriller nascita, sviluppo, controversie legali di Facebook, e soprattutto tratteggiava un ritratto pubblico e privato di Mark Zuckerberg. Il pregio del suo copione è nella scelta di affrontare un biopic su una figura iconica come Steve Jobs concentrandosi solo su tre momenti mostrati quasi in tempo reale: dalla presentazione del primo Mac nell’84 a quella dell’iMac nel ’98, passando per il lancio del NeXTcube nell’88. Dunque l’evento, il potere del marketing, la creazione dell’attesa, il pubblico – pronto a diventare consumatore – estatico di un teatro che accoglie Jobs come una rockstar, ma non solo: il film infatti ci racconta i minuti che precedono le presentazioni, gli incontri e i litigi di Jobs con i colleghi di lavoro, il rapporto con la direttrice del marketing Joanna Hoffman (l’unica che riesca a tener testa a questo tiranno in dolcevita nero e orrende scarpe da ginnastica), i conflitti con la madre della sua prima figlia, Lisa, di cui nega la paternità. Ancora una volta lavoro e vita privata si incrociano, come in The Social Network, ma la struttura del film di Boyle è eccessivamente artificiosa, e i dialoghi dal ritmo serrato, pure troppo, spesso scadono nella verbosità. Volutamente ripetitiva – gli stessi personaggi, per tre volte nell’arco di quattordici anni, tutti sempre impegnati in un continuo ring verbale – la sceneggiatura prende per sfinimento anche il pubblico, e per i non adepti è ancora più difficile rimanere interessati quando il gergo si fa più tecnico tra il “direttore d’orchestra” Jobs e alcuni suoi “musicisti” come Wozniak e Andy Hertzfeld. Di un film dimenticabile rimane impresso il vano augurio di un’esasperata Hoffman rivolta a Jobs: “Guarda che si può essere corretti e geniali contemporaneamente”.

Steve Jobs [id., USA 2015] REGIA Danny Boyle.
CAST Michael Fassbender, Kate Winslet, Seth Rogen, Jeff Daniels.
SCENEGGIATURA Aaron Sorkin. FOTOGRAFIA Alwin H. Küchler. MUSICHE Daniel Pemberton.
Biografico, durata 122 minuti.

One Comment

  1. harley_quinn says:

    Non sono d’accordo. Secondo me la regia di Boyle ha reso il tutto più godibile e non pesnte, insecando anche il cambiamento temporale attraverso l’utilizzo di pellicola negli anni 80 e 90 ed infine il digitale per gli anni 2000. Lo trovato ingegnoso e non artificioso. Non è The Social Network, ma non è nemmeno dimenticabile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly