adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

E ora parliamo di… Quentin Tarantino

sabato 6 Febbraio, 2016 | di Michele Galardini
E ora parliamo di… Quentin Tarantino
Review
0
Facebooktwittergoogle_plusmail

Violenza, western, Pop e altre cose divertenti
Un gangster movie anni ’30 e un film sulla Hollywood del passato. Sono i due generi che Quentin Tarantino vorrebbe affrontare nella parte restante della sua carriera che, se le dichiarazioni fin qui fatte fossero veritiere, si concluderebbe con un X, cioè col decimo film.

Il regista di Knoxville ama i generi e adora mescolarli, ibridandoli con quel postmodernismo Pop che, da Pulp Fiction in poi, è diventato il suo marchio di fabbrica. Per questo quando parliamo di Django o di The Hateful Eight non possiamo avere in mente solo il western di Sergio Leone, mediacritica_tarantino_290ma siamo obbligati ad andare oltre la facciata, oltre l’ambientazione per realizzare che il primo è un’operazione di recupero della natura popolare (e dunque Pop) del genere rivista in chiave pulp mentre il secondo ha, per buona parte, un’atmosfera da giallo in cui le parti smaccatamente western diventano un inno allo splatter. Per questo occorre fare chiarezza. Buona parte del pubblico, per fortuna in misura sempre minore, continua a credere fermamente che al centro dei suoi film ci sia la violenza. Niente di più lontano dalla verità. Chiedetelo a Krishnan Guru-Murthy, giornalista di Channel 4 che nel 2013 rischiò di finire “con le chiappe per terra” dopo aver chiesto a Tarantino se non pensava che ci fosse un nesso tra il godere della violenza nei film e nella vita reale. Tarantino non si è mai preoccupato di valutare le implicazioni che un’immagine di finzione potesse avere nella quotidianità, poiché il suo peggior incubo non è crescere generazioni di “signori Wolf” bensì vedere gli spettatori uscire dalla proiezione di uno dei suoi film senza ridere. La tremenda uccisione di Hitler in Bastardi senza gloria, ad esempio, è un gioco al massacro di plastilina in cui il volto del Führer perde ogni traccia di umanità per trasformarsi in una maschera capace di accogliere decenni di rabbia: catarsi storica in salsa gore. Dopo l’ironia viene l’amore per il cinema. Cresciuto fra patrigni appassionati di musica e il Video Archives di Manhattan Beach, il giovane Quentin ha sviluppato udito e vista, divenendo il regista americano che più di tutti, dagli anni ’90 in poi, ha saputo giocare col passato in un’altalena costante fra plagio, appropriazione e criptomnesia. Il fatto che in questi mesi ci si stia interrogando sull’esistenza di un Tarantino Cinematic Universe rappresenta da un lato la consacrazione dell’esistenza di uno stile tarantiniano quale espressione di un certo gusto vintage per le immagini (vedi la scelta della pellicola 70mm per The Hateful Eight) e per la colona sonora (b-sides, 45 giri recuperati dalla sua collezione), dall’altro la possibilità di continuità e connessioni impensate, frutto dell’astuzia e di un talento innato per la sceneggiatura, che basterebbero alla Marvel per campare di rendita per altri vent’anni. Nell’era della convergenza, del mash up, Tarantino è lo zeitgeist, la linea estetica che collega moda e arte popolare, cinema classico e tendenze del contemporaneo, produzioni low budget e kolossal in Panavision. In definitiva, il custode fedele dell’eredità visiva del Novecento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly