adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Love

sabato 6 Febbraio, 2016 | di Massimo Padoin
Love
Inediti
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Sperma, lacrime e sangue (ma c’è anche la droga!)
L’etichetta “porno d’autore” sta diventando di moda, abbiamo ancora tutti in mente il dittico di Lars von Trier, Nymphomaniac, ed ecco poco dopo approdare in sala (non nelle nostre) un’altra pellicola che si fregia di tale titolo, Love, di un altro regista amato e dannato come Gaspar Noè. Chiaramente dietro a queste operazioni non si può nascondere una certa furbizia produttiva, che intende provocare la mente del curioso cinefilo sull’interpretazione di un genere, ancora marginalizzato dalla critica comune, da parte di registi autorialmente accettati.

Ecco allora il turno di Gaspar Noè, che da sempre ha avuto un certo gusto per lo scandalo e non solo per il suo narcisismo registico. Narrativamente basilare ma non banale nell’intreccio della fabula, Love racconta di Murphy e Electra, coppia libera e innamorata, che coinvolgono una sera Omi, una ragazza appena conosciuta, in un triangolo.mediacritica_love_290 Da quella che avrebbe dovuto essere essere una semplice avventura, il gioco prevedibilmente prende una piega più seria quando Omi rimane incinta di Murphy. Electra, una volta saputo dell’accaduto, perderà la testa sprofondando nella droga e cancellando dalla sua vita l’ex compagno. Love prende inizio qualche anno dopo, da quando Omi e Murphy sono già legati a un matrimonio di convenienza. La vicenda si costruisce tramite una serie di sovrapposizioni temporali che svelano l’incapacità di Murphy di smettere d’amare Electra, che riaffiorerà nella sua mente una volta data per scomparsa. Un intreccio mnemonico che svela principalmente la dipendenza sentimentale del ragazzo nel rapporto sessuale con lei. Love, titolo ironico per un porno ma fino a un certo punto, in realtà descrive una relazione in cui il desiderio carnale s’intreccia inevitabilmente con il sentimento, e quest’ultimo fatto di materia secreta e organica. Gaspar Noè dichiaratamente ci dice che la sua pellicola è composta da ciò, di corpi che si penetrano vicendevolmente, nello scambio di fluidi corporei e assunzione di droghe. Il corpo è esposto principalmente per quello che si scambia. Love è la storia di un sentimento che prende corpo fisico, che siano lacrime di disperazione o che sia sperma dopo l’eiaculazione poca differenza fa. E in un chiasmo, l’amore inestricabilmente avvinghiato al sesso, assume la forma di una secrezione che è anche la natura dell’emotività nel sentimento. Love ha indubbiamente una moltitudine di difetti che iniziano e finiscono proprio con il suo regista, il cui narcisismo è come sempre straripante con scelte estetiche esasperate per centralizzare l’attenzione spettatoriale sulla messa in scena volutamente antisequenziale e virtuosistica. Detto ciò, Love ha un pregio nella disperazione della vicenda che racconta, dove trova un senso ipnotico e fascinatorio. Sarà nelle immagini dolcemente fotografate da colori acidi o nella colonna sonora straniante, piuttosto che nella vicenda in sé mai realmente presa dal solo scandalo della messa in scena di sesso reale, ma interessato davvero a quell’avvinghiarsi tra sentimento e pulsione carnale. Magari Gaspar Noè non sarà del tutto sincero, e una certa furbizia è innegabile, ma tant’è, Love è così, prendere o lasciare.

Love [id., Francia 2015] REGIA Gaspar Noè.
CAST Karl Glusman, Klara Kristin, Aomi Muyock.
SCENEGGIATURA Gaspar Noè. FOTOGRAFIA Benoît Debie. MUSICHE Pascal Mayer.
Erotico, durata 135 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly