adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Spartacus (1960)

sabato 13 febbraio, 2016 | di Alex Tribelli
Spartacus (1960)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE DALTON TRUMBO
Black List
Di tutti i peplum realizzati nel corso della Storia del Cinema è indubbio che Spartacus sia uno dei migliori, non solo in termini qualitativi, ma anche perché è uno dei pochi a reggere ancora il trascorrere del tempo. Rivisto oggi, a distanza di 56 anni, risulta ancora un film in grado di parlare al presente.

Il successo del film è dovuto ad una combinazione di cast artistico e tecnico di grande livello: oltre al protagonista e produttore esecutivo Kirk Douglas e ad attori come Laurence Olivier, Charles Laughton e Peter Ustinov, hanno contribuito tra gli altri il regista Stanley Kubrick, il compositore Alex North, il titolista Saul Bass e lo sceneggiatore Dalton Trumbo. mediacritica_spartacus_290Se per Kubrick Spartacus rappresenta un titolo anomalo nella sua leggendaria filmografia – il regista fu chiamato a sostituire Anthony Mann, perciò è l’unica opera da lui non ideata, anche se il suo ruolo fu comunque fondamentale –, per lo sceneggiatore Dalton Trumbo rappresenta, invece, una svolta decisiva. Infatti, è con questo film e con il successivo Exodus (1960) di Otto Preminger che fu riabilitato dopo essere stato iscritto nella famigerata “lista nera” da parte dell’apparato maccartista e costretto a scrivere sotto pseudonimo. E il suo contributo al film non passa inosservato. La vicenda di Spartaco, lo schiavo-gladiatore di origine tracia che guidò una rivolta contro la Roma repubblicana, è l’occasione per ribadire nella contemporaneità la libertà e l’uguaglianza di tutti gli esseri umani. Siamo, infatti, in un periodo in cui sorgono le prime battaglie per i diritti degli afroamericani e in cui la “caccia alle streghe”, avviata negli anni Quaranta, subisce una decisiva battuta d’arresto. La grandezza di Spartacus risiede nell’abbandono della spettacolarità spiccia di molti altri peplum – di grande impatto sullo spettatore ma poveri nella narrazione e incapaci di incidere a livello tematico, basti pensare al revival del filone seguito a Il gladiatore (2000) di Ridley Scott – in favore della caratterizzazione dei personaggi e delle loro volontà, delle loro relazioni e contrasti, puntando su dialoghi raffinati e allusivi – su tutti quello tra Marco Licinio Crasso e Antonino sui gusti in fatto di ostriche e lumache, di chiara allusione sessuale – piuttosto che su sequenze d’azione di grandiose battaglie di massa, comunque presenti nel film. Tre sono le linee narrative sviluppate: la condizione degli schiavi, le motivazioni che li spingono a ribellarsi a Roma e i dubbi sull’effettiva riuscita dell’impresa; la vicenda sentimentale tra Spartaco e Varinia con la diffidenza iniziale del primo che fino ad allora non aveva conosciuto l’amore; infine, l’abile messa in scena dello spietato mondo politico romano – in 2000 anni non è proprio cambiato nulla – dove tutti sono apparentemente alleati per contrastare il pericolo comune ma, nello stesso tempo, ognuno è interessato soltanto a tutelare i propri interessi e ad appagare le proprie ambizioni. Nel corso del film i riferimenti al maccartismo sono espliciti: la vicenda degli schiavi può essere vista come metafora degli artisti accusati di “attività antiamericane”, in lotta contro il sistema che li ha relegati all’oblio o esiliati come accade nella vicenda a Marco Publio Glabro. Ma il riferimento più emblematico è rappresentato dalla sequenza ambientata al Senato, in cui Crasso accusa di tradimento Sempronio Gracco con il celebre scambio di battute: “In ogni città e provincia liste di dissidenti sono già compilate” dichiara Crasso; “E forse il mio nome appare nella lista degli sleali nemici dello Stato?” chiede, conoscendo già la risposata, Gracco; “In testa!” afferma con foga Crasso. Come non scorgere il senatore Joseph McCarthy, ideatore dell’apparato maccartista, nelle vesti del console-tiranno Crasso e Dalton Trumbo, inserito anche lui in una lista nera, in quelle di Gracco?

Spartacus [id., USA 1960] REGIA Stanley Kubrick.
CAST Kirk Douglas, Laurence Olivier, Jean Simmons, Charles Laughton, Peter Ustinov, Tony Curtis.
SCENEGGIATURA Dalton Trumbo. FOTOGRAFIA Russell Metty. MUSICHE Alex North.
Storico, durata 190 minuti.

Spartacus (1960)
4.3 4 85%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly