adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Fuocoammare

sabato 20 febbraio, 2016 | di Marco Longo
Fuocoammare
In sala
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Allenare l’occhio pigro
Il cinema di Gianfranco Rosi, fin dai primissimi titoli da documentarista indipendente, non si è mai risolto nella sola fruizione sul grande schermo: dall’India di Boatman alla Slab City di Below Sea Level, giungendo al Grande Raccordo Anulare del suo film Leone d’Oro, Rosi ha sempre processato il materiale filmico nel suo farsi e disfarsi, operando precise scelte di messinscena e, molto spesso, suggerendo la propria presenza fuori campo rispetto alla realtà che andava a documentare.

Così Fuocoammare, presentato con successo a Berlino e in odore di premio, non solo è un film di Rosi, ma un film su Rosi che fa un film. Niente per cui valga la pena storcere il naso, vista la coerenza più o meno apprezzata del regista: Rosi non è (mai stato) una mosca sul muro, neanche quando la macchina da presa, padroneggiata con maestria estetica, riesce a regalare momenti poeticamente inattesi. mediacritica_fuocoammare_290Sono noti i suoi esilii documentaristici, i mesi e gli anni trascorsi a contatto coi luoghi e le persone che si accingeva a raccontare, e se è vero che vivere insieme ai protagonisti dei propri film non è (mai stato) necessario sinonimo di verità, per Rosi questa urgenza è diventata col tempo una metodologia di rielaborazione dell’esistente, una scelta di dispositivo, in dialogo più o meno consapevole con due altri registi italiani contemporanei – Roberto Minervini e Pietro Marcello – e coi loro film a cavallo tra fiction e realtà. In Fuocoammare nulla o quasi nulla passa attraverso la lente di Rosi senza offrire, a un tempo, l’ambivalenza della verità e della ricostruzione personale: scene che sfiorano la maniera (bisogna dire, una finissima maniera giocata in solitaria) accompagnano il racconto dell’isola di Lampedusa attraverso il quotidiano dei suoi abitanti, fra i quali primeggia un bambino, Samuele, arguto e insieme purissimo, che della caccia con la fionda ha fatto la sua passione. Tra sortite in barca a remi con gli amici, viaggi con il padre e pranzi con la nonna, Samuele scopre presto che il suo occhio sinistro ha un difetto di strabismo: l’oculista parla di occhio pigro, colpa della fionda che chiede a una palpebra di stare sempre chiusa al momento della mira. Gli occhi di Samuele sono anche i nostri, abituati a conoscere Lampedusa attraverso le elusive immagini televisive, più propensi forse a curiosare tra il folklore e il primitivo che l’isola offrirebbe e lo stesso Rosi non si esime dall’evocare. La storia e la Storia si muovono tuttavia attraverso un’altra rotta, contraltare della terra e delle sue fiabesche meraviglie: la tragedia dei migranti e della loro clandestinità, il dolore e lo strazio non taciuto di volti e corpi, la speranza di chi ha viaggiato per sconfiggere la morte e, nel viaggio, ad essa si è sacrificato. È qui che Rosi gioca fino in fondo il proprio ruolo di filmmaker: scegliendo, anche nelle angustissime stive costellate di cadaveri, di fare la propria inquadratura. Giusto? Sbagliato? Verità o pornografia? Forse è meglio non cedere all’errore di elargire un giudizio, ma lasciar sedimentare la domanda dentro di sé, a lato del film. Cosmopolita assetato di esperienza, di tangibilità fisica del mondo, realmente empatico verso ciò che di atroce la vicenda degli sbarchi porta con sé, Rosi è il parente lontano e senza legami che in un dato momento, senza preoccuparsi troppo di fare bene o fare male, ti prende per un braccio e ti mostra anche quello che, secondo la teoria dell’immagine, non sarebbe consentito. Se è vero che certe scene di Fuocoammare varcano questo limite, è altrettanto vero che, fino ad ora, nessuno in Italia le aveva restituite con questa tensione. Dagli occhi titanici del suo autore, il film prosegue nella coscienza dello spettatore.

Fuocoammare [Id., Italia/Francia 2016] REGIA Gianfranco Rosi.
CAST Samuele Pucillo, Mattias Cucina, Samuele Caruana, Pietro Bartolo.
SOGGETTO Gianfranco Rosi, Carla Cattani. FOTOGRAFIA Gianfranco Rosi. MONTAGGIO Jacopo Quadri.
Documentario, durata 106 minuti.

Fuocoammare
2.9 13 58.46%

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly