adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Venanzio Revolt – I miei primi 80 anni di cinema

sabato 5 Marzo, 2016 | di Edoardo Peretti
Venanzio Revolt – I miei primi 80 anni di cinema
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

80 e non sentirli
Torino ha sempre avuto un legame molto stretto con il cinema, e ancora oggi una certa aria cinefila si respira con maggiore nitidezza rispetto ad altre città. Si pensi alle origini, ai tempi del cinematografo, quando il capoluogo sabaudo era all’avanguardia europea. L’apporto della città allo sviluppo della Settima Arte e della sua industria è continuato nei decenni, meno evidente anche perché un po’ mascherato dall’understatement e dalla riservatezza tipiche dei suoi abitanti.

Esistono quindi personaggi che hanno dato un contributo importante allo sviluppo dell’industria cinematografica nazionale poco conosciuti al di fuori dei confini piemontesi: uno di questi è Lorenzo Ventavoli (classe 1922), entrato al cinema da bambino – nella sala gestita dal padre – e mai più uscito, nei ruoli d’esercente, distributore, produttore, scrittore (e all’occorrenza anche interprete).mediacritica_venanzio_revolt_290 Per dire, sue sono state la prima sala d’essai (1959) e la prima multisala (1981) italiane. Alla figura di Ventavoli è dedicato Venanzio Revolt – I miei primi 80 anni di cinema, documentario diretto da Fabrizio Dividi, Marta Evangelisti e Vincenzo Greco. Il film ripercorre la sua vita, cinefila e privata, seguendo le coordinate di una chiacchierata/intervista davanti a tè e pasticcini tra lui e Steve Della Casa. Venanzio Revolt è un ritratto gentile e sommesso quanto esaustivo, che riesce a cogliere l’uomo nella sua interezza e ad accompagnarci, con i suoi ricordi e i suoi aneddoti, lungo la storia del cinema e della sua fruizione. Incontriamo Bergman, Buñuel e Woody Allen, e riusciamo a immaginare – per esempio – cosa significava andare al cinema ai tempi di guerra. Una miniera di racconti che riesce a essere anche una ricostruzione di come si siano sviluppate la cultura e la fruizione cinematografica nel nostro Paese, partendo dal “mondo piccolo” torinese. I tre registi sono stati abili nel voler rendere omaggio senza cercare l’aggressività agiografica, ma lasciando scorrere la soavità della chiacchierata e del flusso dei ricordi, simile all’incidere di un fiume: e proprio sulla cornice del Po, motivato dalla passione del protagonista per il canottaggio e colto in una soleggiata giornata primaverile che un efficace uso della fotografia ha trasformato in dolcemente autunnale, la voice over di Nanni Moretti recita spezzoni di libri scritti dallo stesso Ventavoli. La scelta di virare i colori della fotografia verso i toni autunnali sottolinea l’atmosfera di raccolta e appassionata rievocazione che pervade il film, così come l’intelligente scelta della colonna sonora. Elementi che rafforzano il già di per sé interessante e riuscito ritratto, con cui il trio di registi continua la ricostruzione della storia del rapporto tra Torino e il cinema iniziata nel 2012 con Sale per la capra, documentario dedicato alla tragedia del cinema Statuto.

Venanzio Revolt – I miei primi 80 anni di cinema [Italia 2016] REGIA Fabrizio Dividi, Marta Evangelisti, Vincenzo Greco.
CAST Lorenzo Ventavoli, Steve Della Casa, Nanni Moretti (voce narrante).
SCENEGGIATURA Fabrizio Dividi, Marta Evangelisti, Vincenzo Greco. FOTOGRAFIA Davide Greco.
Documentario, durata 52 minuti.

One Comment

  1. Edop. says:

    Piccola rettifica dovuta ad un errore mio: Ventavoli è classe 1932, non 1922 come ho scritto. “La matematica non sarà mai il mio mestiere” cantava qualcuno :)Scusate!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly