adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Hellzapoppin’ (1941)

domenica 13 Marzo, 2016 | di Erasmo De Meo
Hellzapoppin’ (1941)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN
In equilibrio sul disordine
Una citazione celebre presa dal film Hellzapoppin’ compare spesso nei libri di storia del cinema: “Qualsiasi somiglianza tra Hellzapoppin’ ed un film è puramente casuale”. Nel 1938 era andato in scena a Broadway un musical omonimo, ad opera di Olsen e Johnson, che fece il record assoluto di repliche restando in cartellone fino al 1941, quando si pensò di farne un film dello stesso tenore.

La citazione, che appare ad inizio film, per chi oggi lo guarda, è paradossalmente falsa. Se si considera la sua natura teatrale, la trasposizione fatta da Potter e prodotta dalla Universal è di natura invece squisitamente cinematografica, mediacritica_hellzapoppin_290traduce infatti lo spirito provocatorio e sorprendente del musical in cui abbondavano trucchi, sketch estemporanei e interazioni col pubblico in trovate ed effetti visivi resi possibili dal mezzo cinematografico. Il nucleo vero e proprio dell’opera risiede in una banalissima commedia leggera svolta coi modi del musical come in quel periodo ne abbondavano. Una spensierata storia d’amore tra “ricchi in modo disgustoso”, farcita di malintesi, humour e coreografie ben divise tra “bianche” e “nere”: l’ordine geometrico, sincronizzato e moralmente controllato del corpo di ballo bianco contro la vitalità acrobatica e “hot” dei ballerini che mescolano jazz e tip tap. La Universal mise questo spirito di contrapposizione nel film, improvvisando sul tema e sulla trama come se tecnici e cast fossero una swingante big band. Ci ritroviamo allora con attori che parlano col proiezionista chiedendo di riavvolgere la pellicola per cambiare l’esito della scena, situazioni giocate sull’assurdo in stile fratelli Marx, uccisioni irrilevanti perché ostentatamente false, effetti di montaggio e sovrapposizioni figlie del migliore Buster Keaton e i protagonisti, Ole e Johnson, che fanno il film mentre lo guardano e si guardano, entrando ed uscendo dallo schermo, agendo da vivi nonostante siano figure proiettate. Per eccesso di voglia di stupire e divertire però si perde di coerenza ed equilibrio, dando molto spazio alle parti musicate e scemando la necessità e l’efficacia delle trovate, di per sé geniali. Con sguardo retrospettivo si può dire che Hellzapoppin’ è un film che non solo “somiglia” ad un film, ma che “è” un film ed è cinema. Per uno spettatore del ’41 era una totale devianza dal canone di ciò che un film era, oggi con l’occhio dello storico è una naturale reazione a modi produttivi che anche grazie a quest’opera sono stati messi in discussione. Certo non si tratta di una critica estetica dura e profonda, ma il primo modo e anche il modo più leggero e graduale per infrangere l’alone intoccabile di un’auctoritas è l’ironia, la messa in farsa, senza, come recita Parini maestro di satira, “vergogna/di mischiar cotai fole a peregrini/subbietti, a nuove del dir forme, a sciolti/da volgar fren concetti onde s’avviva/da’ begli spiriti il vostro amabil Globo”.

Hellzapoppin’ [id., USA 1941] REGIA Henry C. Potter.
CAST Ole Olsen, Chic Johnson, Martha Raye, Mischa Auer.
SCENEGGIATURA Warren Wilson, Nat Perrin. FOTOGRAFIA Elwood Bredeli. MUSICHE Gene de Paul.
Comico/Musicale, durata 84 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly