adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Bowfinger (1999)

sabato 19 Marzo, 2016 | di Filippo Zoratti
Bowfinger (1999)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN – II PARTE
“C’è chi in seconda fila brilla e in prima si eclissa”
A noi, che siamo degli inguaribili nostalgici, piace guardare alla carriera di Frank Oz come a quella di un grande cineasta mancato. Il regista giusto al momento sbagliato, incastrato da un lato da figure carismatiche emerse negli anni ’80 come John Landis e Robert Zemeckis e dall’altro da film culto (Gremlins, Ghostbusters) che sempre in quegli anni hanno attirato tutta l’attenzione dell’establishment.

Se oggi (e sottolineiamo se) qualcuno parla di Oz lo fa citando principalmente il suo lavoro come “burattinaio” dei Muppet, come voce dello Yoda di Star Wars e come attore caratterista di seconda fascia. Eppure tutti ricordiamo La piccola bottega degli orrori (1986) e Tutte le manie di Bob (1991), mediacritica_bowfinger_290opere iconiche in cui allo spirito gustosamente goliardico dei film sopraccitati si fonde uno sguardo innovatore e contemporaneo. Ma quasi nessuno le associa a Frank Oz, così come siamo certi che se a dirigere In & Out ci fosse stato un nome di più facile richiamo continueremo a parlarne ora come una delle più pungenti commedie di fine anni ’90. “C’è chi in seconda fila brilla e in prima si eclissa”, dice un adagio di Voltaire, e infatti siamo consapevoli che Oz il britannico questa strada l’abbia scelta con piena cognizione, muovendosi fra i gangli dell’industria hollywoodiana con l’eleganza degli outsider di classe. Seguendo questo punto di vista, il nostro onnipresente animo romantico ci porta ad interpretare il piccolo/grande Bowfinger come una sorta di testamento, comica e forbita presa per i fondelli di una Fabbrica dei Sogni che nasconde lo sporco sotto il tappeto “buono” da esporre agli ospiti di riguardo. Bowfinger, che narra di un produttore che desidera ardentemente girare il capolavoro della sua vita nonostante non abbia nè i mezzi nè le capacità per farlo, è una scombiccherata satira al vetriolo in cui “il caos regna”: tutto avviene per caso o per cialtroneria, dall’accordo con i finanziatori del film nel film alle scene “inconsapevoli” realizzate dal protagonista recalcitrante Kit, fino al reclutamento del fratello tonto Jiff. La pellicola di Frank Oz, a ben guardare, è una reunion di “corpi estranei” cinematografici: oltre a Oz ci sono l’alieno Steve Martin in fase di script, il reietto Eddie Murphy (stella cadente a partire dagli anni ’90), la “singhiozzante” Heather Graham e lo “scandaloso” Robert Downey Jr. (che riemergerà dalle proprie ceneri dal 2005). Tutti uniti in una farsa scatenata che sputtana e deride lo star system a suon di gag degne del miglior Buster Keaton (l’attraversamento dell’autostrada da parte di Jiff) e di irresistibili battute da meta-cinema (“Anche Tom Cruise non sapeva di essere in quel film di vampiri!”). Sarà una follia, ma noi ne siamo convinti: la storia di Bowfinger è la storia del suo creatore Frank Oz.

Bowfinger [Id., USA 1999] REGIA Frank Oz.
CAST Steve Martin, Eddie Murphy, Heather Graham, Robert Downey Jr.
SCENEGGIATURA Steve Martin. FOTOGRAFIA Ueli Steiger. MUSICHE David Newman.
Commedia, durata 97 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly