adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

S.O.B. (1981)

sabato 19 Marzo, 2016 | di Edoardo Peretti
S.O.B. (1981)
Speciale
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE BEHIND THE SCREEN – II PARTE
L’esilarante leggerezza dell’essere
Il titolo di questa impeccabile commedia di Blake Edwards può essere letto in tre modi: come il “sob” onomatopea del fumetto, come “Standard Operational Bullshit” o come acronimo di “Son of a Bitch!”. Ciascuna delle tre letture può essere adeguata: l’onomatopea più triste del fumetto perché dietro la comicità irresistibile c’è una sostanza più cupa e sofferta; la seconda è un’affermazione di uno dei personaggi che rilegge l’intera vicenda, mentre, per quanto riguarda la terza, il film è effettivamente pieno di Sons of a Bitch.

Lo sono – chi più e chi meno – i produttori, gli agenti, i lacchè, i giornalisti e le attrici che fanno da sfondo alla storia di Felix, produttore sconvolto dall’unico flop economico della sua carriera e preda di volontà suicide, almeno fino a quando non decide di trasformare l’insuccesso in un musical erotico. Blake Edwards, 13 anni dopo Hollywood Party, torna a rappresentare i dietro le quinte della “Mecca dei sogni” in maniera ancor più caustica e dissacrante, inserendo sprazzi di irresistibile comicità fisica nella dominante e altrettanto irresistibilmediacritica_sob_290e comicità di parola. Se l’indiano interpretato da Peter Sellers era inconsapevole portatore di caos slapstick a causa della sua candida inadeguatezza e della sua ingenua purezza, che, entrando in attrito con l’ipocrita e frivola apparenza della mega-festa, scatenavano l’apocalisse comica, qui il cinismo dei dialoghi e la spietatezza della rappresentazione nascono da una consapevolezza dichiarata, accettata e più amara: consapevolezza dei personaggi e del regista (legittima è infatti una rilettura quasi autobiografica del film). “Qui nessuno di noi ha mezza coscienza”, afferma sconsolato il personaggio interpretato da William Holden un attimo prima di mettere in atto, insieme ad altri due, la piccola ribellione finale che li discosta dal copione di cinico utilitarismo dell’ambiente che li circonda, e che li rende mine vaganti non dissimili (non a caso, questa ribellione nasce in una delle sequenze più comiche) dal protagonista di Hollywood Party. Con molta più amarezza, dicevamo: sì, perché nella sostanza S.O.B. è un film cupo, in cui la morte è costantemente e chiaramente presente, fin dalla prima scena. È una commedia, come sanno esserlo molte grandi commedie, esilarante e tetra, in cui Edwards dà anche una lezione di pura messa in scena: basti vedere, per esempio, l’utilizzo della profondità di campo e di tutto lo spazio “fisico” dell’inquadratura per creare la gag o esaltare la battuta. S.O.B. è il ritorno del regista ad alti livelli dopo un periodo d’appannamento, nonché uno dei suoi migliori film in assoluto. Anche grazie ad un cast di prim’ordine: dal protagonista Richard Mulligan a William Holden nella sua ultima apparizione, da Robert Preston a Julie Andrews.

S.O.B. [id., USA 1981] REGIA Blake Edwards.
CAST Richard Mulligan, William Holden, Julie Andrews, Larry Hagman, Robert Vaughn, Shelley Winters, Rosanna Arquette.
SCENEGGIATURA Blake Edwards. FOTOGRAFIA Harry Stradling Jr. MUSICHE Henry Mancini.
Commedia, durata 121 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly