adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Batman v Superman: Dawn of Justice

sabato 26 Marzo, 2016 | di Michele Galardini
Batman v Superman: Dawn of Justice
In sala
4
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE SUPERMAN
Confusi e infelici
Superman sta distruggendo la città di Metropolis per combattere il perfido generale Zod. In uno dei tanti palazzi che vengono rasi al suolo dalla potenza dei due contendenti c’è Jack, dipendente della Wayne Enterprise. Bruce Wayne giura vendetta all’alieno che tutti considerano un dio e poco dopo un complotto mette quest’ultimo al centro di un processo globale. Sarà solo l’inizio di uno scontro che vedrà i futuri componenti della Justice League confrontarsi con un mostro creato da Lex Luthor.

Uno, nessuno e centomila, il nuovo parto della mente di Zack Snyder, Batman v Superman: Dawn of Justice è un ibrido megagalattico di due ore e mezzo, un mostro dalle molte madri e dagli infiniti volti, un sunto di tutto quello che avreste voluto sapere su Batman e Superman ma, per fortuna, non avete mai osato chiedere. mediacritica_batman_vs_superman_290Si parte dall’inizio, di nuovo, dalla morte di Martha e Thomas Wayne, scena madre per eccellenza dell’universo dei supereroi, paragonabile solo alla disneyana morte della madre di Bambi. Si procede per accumulo: la vendetta di Batman, l’imboscata a Superman, la follia crescente di Luthor, il processo a Superman, lo scontro fra quest’ultimo e Batman, la creazione di un mostro alieno, l’arrivo di Wonder Woman. Si finisce come da copione: vittoria del bene, quartieri distrutti (sempre disabitati, come qualcuno puntualizza a ogni scontro), cordoglio per l’eroe, dubbio finale. Nella corsa alla creazione di un cinematic universe in ritardo di almeno dieci anni sui cugini della Marvel, la DC Comics esce nelle sale con un film che ha tutti i difetti dei prodotti di passaggio come Avengers – Age of Ultron, primo fra tutti una confusione narrativa che aumenta la sensazione di smarrimento provocata dalle rapidissime e frequenti scene di combattimento. L’impressione è che David S. Goyer, uno dei due sceneggiatori, abbia inconsciamente condensato in un unico film vent’anni di esperienze eterogenee nel genere, da Nick Fury a Blade, da Batman Ghost Rider fino ai demoni di Constantine. Come maneggiando una matrioska ci convinciamo di essere arrivati al corpo centrale salvo poi scoprire un involucro ancora più piccolo, allo stesso modo ci stupiamo nell’osservare l’obiettivo cambiare, diventare sempre più piccolo, banale (si passa dal processo alla divinità allo scontro fra un bestione urlante e tre supereroi). Il tutto senza l’ombra di un colpo di scena, senza la minima avvisaglia che qualcosa di drammaticamente grande stia per accadere, e con Henry Cavill che svela al mondo la sua scarsa padronanza delle tecniche recitative (nei momenti di sforzo è tragicomicamente identico a Massimiliano Allegri). Ma in fondo nemmeno aprire una matrioska riserva sorprese.

Batman v Superman: Dawn of Justice [id., USA 2016] REGIA Zack Snyder.
CAST Ben Affleck, Henry Cavill, Amy Adams, Jesse Eisenberg, Diane Lane, Laurence Fishburne, Jeremy Irons, Holly Hunter.
SCENEGGIATURA Chris Terrio, David S. Goyer. FOTOGRAFIA Larry Fong. MUSICHE Hans Zimmer, Junkie XL.
Supereroico/Fantascienza, durata 153 minuti.

Batman v Superman: Dawn of Justice
3.2 25 64%

4 Comments

  1. Perplesso says:

    Che recensione severa! Certo non è un film perfetto, però a me complessivamente è piaciuto molto, con questi eroi dark e le atmosfere “da guerra”. E Cavill non è malaccio!

  2. Michele Galardini says:

    Sì ma le atmosfere dark, come ha scritto un giornalista del THR, lasciamole a Nolan. Che poi s’è capito che la tendenza è a creare atmosfere sempre più dark perché sono quelle che attirano di più, ma senza una buona scrittura alla base restano solo delle scazzottate più scure. Su Cavill purtroppo non posso togliermi dalla mente la somiglianza con Allegri, è più forte di me!

  3. Edop. says:

    Scusate, ma solo a me Batman ha dato l’impressione di comportarsi come un idiota da inizio alla fine? (e non per colpa di Affleck, che è pure ababstanza bravo)

  4. harley_quinn says:

    Mi sono annoiata dall’inizo alla fine. Di questo film salvo l’assaggino che ci hanno dato di Wonder Woman e la Justice League. Lex Luthor meritava di essere il protagonista e Ben Affleck non si può vedere nei panni di Batman. Facendo questo insultano Batman. In più mi spiegate da quando in quan Batman fa fare tutto ad Alfred? Aflred che pilota droni? Alfred il meccanico? Ma non fatemi ridire. Meglio lasciare l’universo di Batman in mano a Nolan e ai creatori di Gotham.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly