adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Land of Mine – Sotto la sabbia

sabato 2 Aprile, 2016 | di Gabriele Baldaccini
Land of Mine – Sotto la sabbia
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

Eterni conflitti
“Mai pensare che la guerra, anche se giustificata, non sia un crimine”, sosteneva giustamente Ernest Hemingway, ma la guerra è anche, che lo si voglia o meno, un fatto umano e per questo da comprendere come stato naturale dell’esistenza stessa. Georges Santayana, d’altronde, molto saggiamente scriveva che “solo i morti hanno visto la fine della guerra” perché purtroppo si era evidentemente reso conto che l’uomo vive perennemente di conflitti.

L’ha capito bene pure Martin Zandvliet, che scrive e dirige il suo Land of Mine con l’intento di raccontarci una storia realmente accaduta in Danimarca alla fine della Seconda Guerra Mondiale, dove circa duemila prigionieri tedeschi furono costretti senza pietà a sminare tutti i territori della nazione. In particolare si focalizza l’attenzione su un gruppo di giovanissimi soldati che sembra quasi non sappiano per quale motivo si trovino lì. Eccola la “guerra mediacritica_land_of_mine_290perenne”; non si fa in tempo a rendersi conto che uno scontro è terminato che se ne vuole immediatamente aprire un altro. Il ribaltamento messo in scena è quello per il quale gli aguzzini diventano i maltrattati e viceversa; i soldati e la popolazione danese sono infatti spietati, ritenendo che i loro sfoghi sui prigionieri siano più che legittimi. Forse tutto ha un po’ il sapore del già visto, forse i personaggi vengono delineati in un modo che denota un’incapacità di dare un taglio diverso da quello invece fortemente manicheo dell’intera vicenda, forse la stessa evoluzione dei loro caratteri durante tutta la durata del racconto è in qualche modo scontata e prevedibile (perché non si può mettere in dubbio che questo sia un film che ci pone a strettissimo contatto con le caratteristiche dei protagonisti, con la necessità di farci ricercare insomma una pressante identificazione con essi). E forse raccontare con il cinema episodi inerenti alla Seconda Guerra Mondiale non è più cosa tanto facile, tenendo conto della grande quantità di pellicole dedicate a questo argomento. Ma il film di Zandvliet ha una sua autorevole dignità e riesce pure a far commuovere senza sbracare nell’eccessivamente patetico, perché delinea perfettamente uno spazio e fa sì che all’interno di quello vengano descritte tutte le brutture dell’esistenza e il modo in cui queste siano il frutto del continuo conflitto (parola d’ordine per quest’opera, è bene ripeterlo e sottolinearlo) dell’animo umano. Uno spazio circoscritto è quindi l’elemento portante, perché le mine sono lì ma anche altrove. E perché il pericolo è ovunque e la strada per la libertà non può esistere se non siamo noi stessi in grado di immaginarla.

Land of Mine – Sotto la sabbia [Under Sandet, Danimarca/Germania 2015] REGIA Martin Zandvliet.
CAST Roland Møller, Mikkel Boe Følsgaard, Laura Bro, Louis Hofmann, Joel Basman.
SCENEGGIATURA Martin Zandvliet. FOTOGRAFIA Camilla Hjelm Knudsen. MUSICHE Sune Martin.
Drammatico, durata 100 minuti.

One Comment

  1. Erasmo says:

    è vero il film è prevedibile, ma anche a questo deve in parte la sua godibilità, per quella identificazione forzata che tu citi ottimamente. Non appena c’è una soluzione si torna in stato di crisi, ho visto anch’io in questo il passo in più che fa questo film, mettendo al centro questa necessità umana di scontrarsi e creare fazioni, dalla grande storia fino al gruppo di ragazzi nella baracca che presto si schiera.
    Non ho letto tanto il manicheismo nella rappresentazione, quanto se questo c’è è nella visione che ha l’uomo, per sua natura, in situazioni critiche e istintive, com’è la guerra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly