adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La comune

sabato 2 Aprile, 2016 | di Michele Galardini
La comune
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

La comune senza la comune
Quando Erik, insegnante di architettura, eredita dal padre una bellissima casa a Copenaghen, il suo primo pensiero è di venderla per guadagnare una somma consistente. Ma la moglie Anna, annoiata dalla vita familiare, lo convince a tenerla e a trasformarla in una comune da condividere assieme ad altre persone, amici e sconosciuti. Il progetto funziona ma Erik si innamora di una studentessa che prenderà lentamente il posto di Anna nella sua vita e nella comune.

Nonostante il manifesto Dogma 95 e Festen (1998) siano ben sepolti sotto chilometri di finzione e di classicismi, Thomas Vinterberg continua a godere di un discreto credito all’interno dei festival e della distribuzione. Il cinema del regista danese, cresciuto cibandosi dell’ombra di Lars Von Trier, in particolare negli ultimi anni ha dimostrato di non essere assolutamente capace di competere con la maggior parte delle opere di autori coevi. mediacritica_the_commune_290Il problema di fondo è la scrittura, o meglio, la capacità di costruire personaggi e situazioni che possano risultare verosimili al punto da sospendere l’incredulità dello spettatore per un paio d’ore. Già ne Il sospetto si potevano scorgere i primi sintomi di tale deriva, con un protagonista accusato ingiustamente di pedofilia che in nessuna occasione prova a difendersi anche con un semplice “non sono stato io”, ma niente in confronto al caos disorganico portato in concorso alla Berlinale 66. In quel Grande Fratello naïf che è La comune, Vinterberg mette in scena le trasformazioni di individui inconsistenti, disperati alla ricerca di un posto nel mondo che possa mitigare la loro inadeguatezza nei confronti della vita. Ma nel farlo si dimentica di raccontarli, lasciando qualcuno nell’anonimato e dando a qualcun altro, suo malgrado, un ruolo di prestigio insostenibile all’interno di situazioni involontariamente grottesche. Lo stesso adulterio di Erik e il progressivo scivolamento di Anna in una cupa depressione da lei stessa foraggiata non forniscono punti di appiglio logici o narrativi, semplicemente si presentano nella loro banalità contaminando progressivamente le sinapsi della comune. A conti fatti e al netto di tutti gli eventi, è proprio l’idea focale di costruzione di una democrazia comunitaria a cadere sotto i colpi della cattiva scrittura non essendo in alcun modo influente, ai fini della storia, tutto quello che accade dentro la casa ai suoi abitanti se si esclude un colpo di coda finale che farebbe inorridire anche Lory Del Santo. In pratica, togliendo la comune e fingendo che nella casa abitino solo Erik, Anna e la figlia Freja, avremmo lo stesso paradosso con cui, in The Big Bang Theory, Amy convince Sheldon dell’inutilità di Indiana Jones ne I predatori dell’arca perduta.

La comune [Kollektivet, Danimarca 2016] REGIA Thomas Vinterberg.
CAST Ulrich Thomsen, Fares Fares, Trine Dyrholm, Julie Agnete Vang, Ole Dupont.
SCENEGGIATURA Tobias Lindholm, Thomas Vinterberg. FOTOGRAFIA Jesper Tøffner. MUSICHE Fons Merkies
Drammatico, durata 111 minuti.

One Comment

  1. Ms. Moreau says:

    Che recensione cattiva! Per me il film regge per tre quarti, poi però non raccoglie tutto quello che semina… si parla della ragazza, della coppia che scoppia, del bimbo malato… e alla fine si resta tutti bel belli nella comune senza che ci sia una “morale”, un senso conclusivo. Boh.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly