adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Mistress America

sabato 16 aprile, 2016 | di Chiara Checcaglini
Mistress America
In sala
6
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

In love with everything
Impossibile non collegare Mistress America a Giovani si diventa, poiché l’attrito generazionale da un lato e la creazione artistica dall’altro sono i temi che la coppia Baumbach-Gerwig tornano a indagare anche in questo ultimo film.

Tracy è una matricola aspirante scrittrice, un po’ secchiona e sola ma molto ambiziosa: spinta dalla madre contatta la futura sorellastra trentenne Brooke, che vive anche lei a New York. Brooke sembra volgere in positivo tutti gli aspetti di una vita precaria, abitandola con agio, molte parole e un’invidiabile libertà. Ma pur ammirandola, mediacritica_mistress_america_290Tracy non ci mette molto a capire che Brooke non fa che rileggersi come stilosa perenne entusiasta, quando in realtà è più che altro una wannabe incapace di portare a termine qualsiasi progetto esistenziale e lavorativo. La giovane aspirante scrittrice si serve allora segretamente della vita di Brooke, e delle proprie valutazioni su di essa, per un racconto che le permette di entrare nel circolo letterario più esclusivo del college: i nodi verranno al pettine in una lunga sequenza dal sapore teatrale in cui protagonisti e personaggi vari si ritrovano nella stessa enorme casa, a mettere in discussione scelte di vita e sentimentali, a cambiare e ricambiare le proprie opinioni gli uni sugli altri. Forse meno ispirato del precedente, dove la relazione tra vita, cinema e documentario permetteva un respiro più vasto e ulteriori stratificazioni di senso, Mistress America ragiona ancora sull’identità attraverso la tendenza a costruirsi sempre più specifiche personalità sociali, e problematizza il contrasto tra verità e finzione moltiplicandolo tramite la rilettura creativa e artistica della realtà. Con i suoi dialoghi azzeccati e una Gerwig che si conferma adattissima a interpretare leggerezza e libertà di movimento, è un altro tassello riuscito in una filmografia che dichiara senza timore la propria parzialità di sguardo (Baumbach parla di cose che conosce, cioè bianchi benestanti e lavoro intellettuale), ma che all’interno di questa parzialità riesce a individuare gradi di spietatezza sempre diversi e contraddizioni originali.

Mistress America [id., USA/Brasile 2015] REGIA Noah Baumbach.
CAST Greta Gerwig, Lola Kirke, Matthew Shear, Jasmine Cephas Jones, Heather Lind.
SCENEGGIATURA Noah Baumbach, Greta Gerwig. FOTOGRAFIA Sam Levy. MUSICHE Dean Wareham, Britta Phillips.
Commedia, durata 84 minuti.

Mistress America
3.6 10 72%

6 Comments

  1. Krisf says:

    Baumbach ormai è un regista “famoso”, ha fatto Il calamaro e la balena, Frances Ha, Giovani di diventa… e però di Mistress America in sala non c’è traccia! boh, misteri della distribuzione italiana. Mentre per Nonno scatenato sì che c’è distribuzione :(

    • Chiara_Ch says:

      tutto vero, purtroppo il film è distribuito in una trentina di sale (!!!) nonostante la distribuzione sia 20th Century Fox. evidentemente da noi non è considerato uno dei più famosi registi indie, come nel resto del mondo… un po’ sconfortante.

  2. Edop. says:

    Io l’ho preferito a Giovani si diventa (che pure mi è piaciuto), proprio perché vengono affrontate meno tematiche; ho trovato che qui ci sia maggiore efficacia nel raccontare la distanza tra realtà e aspirazioni (che diventa contrasto tra realtà e finzione), e il conseguente disagio.

    • Spencer says:

      Anch’io l’ho preferito a “Giovani si diventa”, in primis per ritmo e sceneggiatura, che mi sono sembrati più briosi e vivaci, soprattutto nella seconda parte, dove forse esplode il lato “scrweball” del film.

      Secondo me è anche un’opera sulla relazione di amore/odio tra una persona giovane e il suo “mito”, o comunque con la figura che l’aiuta a crescere. In qualche modo, un’opera sul rapporto tra due generazioni non troppo distanti tra loro.

      • Chiara_Ch says:

        sono d’accordo con ciò che scrivete: scritto bene, ottimo ritmo e riferimenti screwball molto apprezzabili. ma ho comunque trovato Giovani si diventa più interessante perché più legato a questo preciso “momento storico”: mette in relazione in modo originale due generazioni riconoscibili, molto vicine tra loro ed entrambe post-tutto che altrove sono dipinte con troppa condiscendenza e meno precisione. insomma premesso che come sempre i gusti non si discutono, trovo che per quanto Mistress America sia ben riuscito Giovani si diventa abbia una marcia in più.

  3. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly