adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Un’estate in Provenza

sabato 16 Aprile, 2016 | di Martina Farci
Un’estate in Provenza
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

I nonni sono sempre i nonni
Lèa, Adrien e Théo, sordomuto dalla nascita, sono tre fratelli parigini nel pieno dell’adolescenza costretti a passare l’estate in Provenza dai nonni Irene e Paul. Quest’ultimo, però, non l’hanno mai conosciuto, a causa di alcuni attriti familiari avvenuti anni prima. Olivicoltore, Paul non riesce a gestire la situazione con i nipoti, in uno scontro generazionale che non tarda ad arrivare.

Un’estate in Provenza è il terzo film della regista francese Rose Bosch, già conosciuta per Vento di primavera, qui abile a conquistarci con una storia ricca di sentimenti e sfumature. Théo potrebbe essere un capro espiatorio nel voler raccontare un tema ancora troppo poco affrontato mediacritica_una_estate_in_provenza_290(anche se è recente il successo, sempre francese, di La famiglia Bélier), invece la Bosch lo inserisce perfettamente in una commedia corale in cui la differenza è dettata da tanti fattori, non solamente fisici. Primo fra tutti, il consueto scontro città-campagna, con modi di vivere completamenti opposti che destabilizzano la vacanza dei ragazzi, visto che anche cercare la Rete del cellulare sembra un miraggio. A dominare, infatti, è la campagna provenzale in tutto il suo splendore, con gli olivi di Paul che prendono il sopravvento: ed è proprio nonno Paul, interpretato da un perfetto Jean Reno, a essere il motivo principale per uno spaccato generazionale che racchiude in sé anche i complicati rapporti all’interno della famiglia. Ma la cornice del film è divertente e di qualità, e questo fa sì che si riesca a parlare di tematiche complesse con una leggerezza che scalda il cuore. Un’estate in Provenza, quindi, si rivela una commedia in cui, nonostante gli stereotipi siano facilmente riconoscibili e l’happy end sia assolutamente prevedibile, l’inaspettata svolta grazie ai ricordi dei trasgressivi anni Settanta restituisce sorrisi e ammirazione verso i due nonni che, sotto sotto, sono ancora dei ragazzini. Così, quella che si prospettava come una vacanza da incubo, permette a Lèa e Adrien di crescere e confrontarsi e a Thèo rivela che l’amore, quello vero, non ha bisogno di parole, ma solo di tanti gesti che lo dimostrino. Perché le difficoltà e le differenze si superano, se c’è la volontà di accettarle.

Un’estate in Provenza [Avis de Mistral, Francia 2014] REGIA Rose Bosch.
CAST Jean Reno, Anna Galiena, Chloé Jouannet, Hugo Dessioux, Lukas Pelissier.
SCENEGGIATURA Rose Bosch. FOTOGRAFIA Stephane Le Parc. MONTAGGIO Samuel Danési.
Commedia, durata 105 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly