adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Due soldi di speranza (1952)

sabato 21 Maggio, 2016 | di Erasmo De Meo
Due soldi di speranza (1952)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CANNES MÉMOIRES
Orizzonti rosa
Il Festival di Cannes del 1952 si può considerare uno dei crocevia fondamentali del nostro cinema. In concorso ci sono Due soldi di speranza di Castellani, Umberto D. di De Sica, Il cappotto di Lattuada e Guardie e ladri di Monicelli e Steno.

Tanti film quante sono le strade su cui l’Italia cinematografica galopperà nei decenni a venire, nel suo periodo d’oro: rispettivamente la commedia sentimentale o popolare, il dramma realistico, il film d’autore e il comico, tutte strade figlie in qualche modo del neorealismo. Accantonate o semplicemente affievolite le ideologie e le provocazioni teoriche, di quell’epoca restano i modi produttivi, il linguaggio, le iconografie, il cortocircuito tra alto e basso, la schiettezza dell’idea espressa tramite il popolare.mediacritica_due_soldi_di_speranza_290 Se si guarda Due soldi di speranza per fotogrammi nulla lo allontana dai capostipiti neorealisti: gli orizzonti aperti, le case umili, l’identificazione tra uomo e ambiente, le espressioni e i gesti che sanno di terra, di sangue e di passioni. Eppure guardandolo come cinema e non come fotografia la trama rivela una leggerezza scanzonata dove la società e le forze al suo interno sono sfondo, strumenti e pretesti narrativi, cornice. I personaggi non rappresentano classi o condizioni, non sono altro che se stessi, liberati dalle contingenze di agenti sociali, e quella che Castellani mostra non è la Storia trasfigurata ma semplici figure in una storia. Carmela è la figlia del fuochista del paese, Antonio un nullatenente, orfano di padre, appena ritornato dal servizio militare. Il loro amore nasce per gioco ma prende presto concretezza e presto si carica di problemi, innanzitutto economici, e opposizioni. Antonio con vivacità partenopea non molla mai la presa; ma anche inventandosi gli impieghi più assurdi, dividendosi tra paese e città, ammazzandosi di fatica e speranza, non riesce in fondo mai a trovare una soluzione stabile, di volta in volta rafforza e solidifica il rapporto con la giovane Carmela che sopporta i suoi colpi di testa e ammira le sue coraggiose libertà. Solo uniti saranno in grado di affrontare l’autorità paterna e le pretese materne, riacquistando dignità e rispetto da parte del resto del paese. Come in ogni piccolo ambiente la loro storia è oggetto di repulsione e attrazione: la prima non è altro che vergogna e coesione popolare contro l’atipico e il divergente, la seconda è tenuta segreta finché non sia socialmente ammissibile confessarla. Ed è nel finale, lirico e concitato, che saltano gli ostacoli di rispettabilità e ogni abitante del piccolo paese si confessa dalla loro parte, con gioia e solidarietà viene offerto ai due innamorati tutto ciò di cui hanno bisogno e anche il superfluo, con fiducia nei “pagherò” di Antonio, andando contro le logiche di tutti i giorni, contro l’idea malata del rapporto tra uomini che antepone il denaro alla bellezza, l’utilitarismo monetario alla fiducia nell’onestà e nei sentimenti. Con lo stesso approccio Castellani premette la leggerezza al dramma e, aprendo un filone tinto di rosa, fa strada al sogno nel desolato orizzonte neorealista.

Due soldi di speranza [Italia 1952] REGIA Renato Castellani.
CAST Maria Fiore, Vincenzo Musolino, Filomena Russo, Luigi Astarita.
SCENEGGIATURA Renato Castellani, Titina De Filippo. FOTOGRAFIA Arturo Gallea. MUSICHE Alessandro Cicognini.
Commedia, durata 110 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly