adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Tangerines – Mandarini

sabato 28 Maggio, 2016 | di Erasmo De Meo
Tangerines – Mandarini
In sala
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

Mandarini, non bombe
È una storia straziante quella raccontata in Tangerines – Mandarini da Zaza Urushadze, una storia piena di sconforto e vecchia come il mondo, eppure una Storia recente e dimenticata troppo in fretta. Con lo smembramento dell’Unione Sovietica la zona del Caucaso è stata tra le più interessate da conflitti e tensioni, ancora oggi in parte irrisolte.

Tra il 1991 e il 1993 furono numerosi gli scontri armati, le violenze, i massacri nella regione dell’Abcasia che reclamò unilateralmente l’indipendenza dalla Georgia. I numeri oscillano tra i diecimila ed i trentamila georgiani uccisi, e assieme a loro uomini e donne di altre etnie, estoni, russi, greci, ma anche gli stessi abcasi favorevoli alla mediazione, al dialogo.mediacritica_mandariinid_290 Ivo è un falegname e vive solo in una casa di un piccolo villaggio montano, il suo vicino è Margus, agricoltore. I suoi mandarini sono carichi di frutti, il raccolto è così buono che anche con l’aiuto di Ivo teme di non farcela a compiere il lavoro. È proprio in quel periodo che il conflitto tra georgiani e abcasi raggiunge la loro regione, sempre più frequenti si fanno i controlli, le visite di combattenti, i rumori non lontani di fucili e bombe. Ivo e Margus chiedono aiuto ad un maggiore loro conoscente che può fornirgli una trentina di uomini che, in una giornata di non grossi movimenti sul fronte militare, possano dar loro una mano con i mandarini. Ma questi uomini non arrivano mai e qualche frutto comincia a cadere a terra. La guerra evidentemente non ha pause, non può permetterselo, anzi irrompe violentemente sui loro terreni. Dopo una sparatoria Ivo aiuta i due sopravvissuti, accogliendoli in casa e fornendogli cure mediche. I due soldati però sono un mercenario che combatte con i ceceni-abcasi e un attore georgiano, fiero della propria identità, terra e cultura. Ivo riesce a creare un ambiente di pace e di confronto, le sue mediazioni, quasi diplomatiche, portano i due a riconoscersi in un’umanità grata, solidale e indifferente alle appartenenze etniche e religiose. Gli alberi carichi di colori brillanti, esaltati da una fotografia molto attenta ai toni, sono metafora di una ricerca di continuità storica e apolitica, di serenità e di pace: il gusto di un mandarino è fresco e dolce sotto ogni palato. Le fatiche di Margus, più che puntare ad un guadagno economico, vogliono “resistere” alle invasive violenze, dimostrare che la guerra non cancella tutto. Il messaggio di Urushadze è di un pacifismo profondo e sentito, comune a molto cinema dell’area georgiana, si pensi al recente successo di Corn Island (2014) di Ovashvili. Una nota di merito va alle musiche, che drammatizzano e poeticizzano il montato veicolando il dialogo georgiano-abcasico attraverso i due diversi gusti musicali che nel finale vengono a convergere.

Tangerines – Mandarini [Mandariinid, Georgia/Estonia 2013] REGIA Zaza Urushadze.
CAST Lembit Ulfsak, Elmo Nüganen, Giorgi Nakashidze, Misha Meskhi.
SCENEGGIATURA Zaza Urushadze. FOTOGRAFIA Rein Kotov. MUSICHE Niaz Diasamidze.
Drammatico, durata 87 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly