adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Neon Demon

sabato 11 giugno, 2016 | di Michele Galardini
The Neon Demon
In sala
19
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Keanu Reeves non è più l’Eletto
Jesse, una modella non ancora maggiorenne, approda a Los Angeles con il sogno di diventare una star. Qualcosa in lei strabilia gli stilisti, i fotografi e le agenzie di moda, tanto da permetterle di scalare a velocità supersonica la salita che porta al successo. Le colleghe più anziane esprimeranno la loro invidia con metodi sempre più feroci e sempre meno convenzionali.

C’era una volta Keanu Reeves, Neo, l’Eletto capace di combattere ad armi pari con l’agente Smith, la sentinella più potente di Matrix. Tredici anni dopo la fine della trilogia delle sorelle Wachowski, il buon Keanu è il portiere di un motel, incattivito da una carriera che non gli ha regalato le gioie che aveva sperato. Un solo ricordo felice gli impedisce di impazzire: sapere di essere ancora l’unico Eletto. mediacritica_the_neon_demon_290Ma un giorno arriva Jesse, accompagnata dalla musica e dai colori di un Dario Argento patinato, e Keanu capisce di non essere più l’unica anomalia di Matrix. Tutti rimangono incantati dalla sua bellezza verginale, ne adorano gli occhi, i passi, i capelli, le orecchie; ma in questa piccola Eva, che mina il terreno delle altre Eva più mature, non alberga solo il fascino ingenuo della purezza. Nella sua interiorità si agita un demone che Nicolas Winding Refn riprende con luci al neon perché, se non si fosse capito da Solo Dio perdona nessuno sa usare i neon come lui. Ma facciamo un passo indietro. Una mattina di due anni prima Gaspar Noè aveva bussato alla sua porta, incazzato. Gli aveva detto di non rubare più le atmosfere e i colori di Enter the Void per poi tirarle a lucido e utilizzarle nei suoi film (all’epoca solo uno) quasi fossero dei servizi di moda. Refn, anche se molto assonnato dopo aver passato l’intera notte a riguardare i film di David Lynch, ha un’intuizione: liquida Noè con la scusa del gas accesso e si mette a scrivere. Nella sua mente si agitano tre parole: moda, neon e rubare. Le prime due confluiscono nella bozza di The Neon Demon, la terza arriva poco dopo quando Refn scrittura Karl Glusman, protagonista dell’ultimo film di Noè, Love. Il furto è completo! Al regista danese non resta che buttare giù qualche dialogo banale, un bel simbolismo ferino, cinque o sei brani di musica elettronica e condire il tutto con i suoi amati neon. Ma qualcosa ancora manca. L’idea di mostrare i retroscena perversi, violenti, cannibali del mondo della moda non può reggersi solo sull’ascesa, fritta e rifritta, di una giovane Eletta la cui sola presenza basta a spostare gli equilibri del mondo in cui è da poco arrivata. La soluzione arriva la notte di capodanno in un pub di Copenaghen. Refn incontra Lars Von Trier: dopo tre birre crolla e gli chiede di aiutarlo a completare il film. Il buon Lars gli consiglia di inserire nel finale un paio di scene disturbanti che all’apparenza non avranno alcun senso ma che, gli studiosi più attenti, di sicuro riusciranno a ricondurre a qualche studio psicologico o filosofico. Il resto è The Neon Demon. Vi starete chiedendo che fine abbia fatto il nostro Keanu? A metà riprese ha minacciato Refn di andarsene se non si fosse ristabilito che lui è l’unico Eletto. Risultato: Keanu Reeves non appare nella seconda metà del film.

The Neon Demon [id., Francia/USA/Danimarca 2016] REGIA Nicolas Winding Refn.
CAST Elle Fanning, Abbey Lee, Karl Glusman, Desmond Harrington, Keanu Reeves, Christina Hendricks.
SCENEGGIATURA Nicolas Winding Refn, Mary Laws, Polly Stenham. FOTOGRAFIA Natasha Braier. MUSICHE Cliff Martinez.
Thriller/Horror, durata 117 minuti.

The Neon Demon
4 55 80.73%

19 Comments

  1. Edop. says:

    Neonrealismo

  2. Vampyr says:

    Meraviglioso!

  3. ScaramakaiCombinaguai says:

    Recensione capolavoro!!!!

  4. Letal says:

    Film capolavoro!

  5. Torakiki says:

    Il curatissimo e raffinatissimo spot di un profumo. Solo che poi mi sono perso: che marchio era? Yves Saint Laurent? Versace? No perché lo voglio comprare! Se hanno così tanto amore per i commercial, l’essenza dev’essere eccezionale

  6. Morbel says:

    Capolavoro!

  7. Shaobehjki says:

    Se non il film dell’anno, uno dei…chi lo critica, evidentemente non lo ha capito

    • Moschio says:

      Per me è solo una mega sega autoriale! L’ho capito, ma lo trovo estremamente sopravalutato. Refn, si sa, è bravo ma questa volta a mio parere ha peccato in autostima.Poteva essere un gran film…

  8. Spencer says:

    Secondo me è un film tanto banale nel suo discorso quanto esteticamente autocompiaciuto. Quasi insopportabile, soprattutto nella seconda parte.

  9. Shubecc says:

    Un capolavoro. Il mio aprifila nella top ten

  10. b7663dfve4 says:

    Straordinario esempio di video-arte. Merda d’artista, ma di quella eccellente!

  11. Ello says:

    Ma che capolavoro è??? Assolutamente in disaccordo con la recensione!

  12. gigi says:

    La recensione molto bella e divertente. Il film di base mi é piaciuto perché avevo preso un po´ di acido lisergico. Peró sti manichini comunque bravi a farli parlare

  13. Pingback: Frantz - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

  14. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly