adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Le vacanze di Monsieur Hulot (1953)

sabato 18 Giugno, 2016 | di Edoardo Peretti
Le vacanze di Monsieur Hulot (1953)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE JACQUES TATI
Tutti al mare!
Che la comicità nasca anche e soprattutto dall’inserimento di un elemento più o meno consapevolmente caotico e destabilizzante rispetto al contesto è cosa nota e risaputa; è un fondamento “filosofico” dell’atto comico che, nel cinema, risuona con chiarezza fin dai tempi dell’aggressivo Chaplin e dell’aggressivo passivo Keaton.

Logico quindi pensare, nel decennio in cui la settima arte compie un processo di modernizzazione e allo stesso tempo inizia a porsi con maggiore chiarezza e consapevolezza come voce critica della società e della modernità stessa, che anche il cinema comico di quel tempo abbia avuto un’evoluzione in questo senso. mediacritica_le_vacanze_di_monsieur_hulot_290Processo rappresentato soprattutto da Jacques Tati, il quale, come fatto ben notare da Francesco Grieco proprio nelle pagine di questa rivista, accompagna il cinema comico verso l’età adulta. Fondamentale diventa, da questo punto di vista, il suo secondo film, Le vacanze di Monsieur Hulot; se infatti il pur ottimo, delizioso ed esilarante Giorno di festa (1949) era sotto certi aspetti più “classico”, l’opus n.2 dell’autore francese delinea in maniera definitiva la sua poetica e la modernità della stessa, consolidando un processo che troverà il suo compimento artistico e ideologico nei capolavori Mon oncle (1958) e soprattutto Playtime (1967). La gentile quanto destabilizzante irruzione di Monsieur Hulot nella comunità di vacanzieri, costituita da individui che rappresentano con più che discreta completezza la classe media francese (dall’imprenditore rampante sommerso di telefonate all’intellettuale marxista più interessato a considerare le ragazze come possibili proselite che come possibili prede, fino alla borghesia compassata e affezionata ai suoi riti), rimane legata agli schemi della tradizione comica muta, evolvendola però in maniera inedita e decisiva. Si veda come l’autore perfeziona l’uso del sonoro: dialoghi sì ridotti all’osso, ma rumori, mugugni, gramelot e musiche costanti e fondamentali nel creare lo straniante effetto comico. Allo stesso tempo diventano decisive le scelte stilistiche: il montaggio essenziale, l’utilizzo dell’intero spazio dell’inquadratura e della sua profondità e soprattutto i predominanti campi medi e lunghi che da un lato delineano con precisione l’ambiente sociale e dall’altro esaltano Hulot sia come elemento fondamentale del contesto, sia la sua estraneità. Un’opera quindi già modernissima, che sembra anticipare certi aspetti della Nouvelle Vague che sarebbe esplosa pochi anni dopo. Modernità del resto confermata dal fatto che sul turismo di massa di cui l’allegra e variegata brigata è simbolo aleggia uno dei demoni preferiti dal cinema degli anni immediatamente successivi: l’incomunicabilità, resa con la grazia esilarante e malinconica di un poeta della comicità.

Le vacanze di Monsieur Hulot [Les vacances de Monsieur Hulot, Francia 1953] REGIA Jacques Tati.
CAST Jacques Tati, Nathalie Pascaud, Raymond Carl, Valentina Camax, Luis Perrault.
SCENEGGIATURA Jacques Tati, Henry Marquet, Pierre Aubert, Jacques Lagrange. FOTOGRAFIA Jacques Mercanton, Jean Mousselle. MUSICHE Alain Romains.
Comico, durata 96 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly