adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Lo sguardo plurale di Santos Zunzunegui

sabato 25 Giugno, 2016 | di Giorgio Placereani
Lo sguardo plurale di Santos Zunzunegui
Editoriale
1
Facebooktwittermail

Più d’una volta Santos Zunzunegui, insegnante e storico del cinema basco, ha partecipato a convegni a Udine – fra i quali vorrei ricordare il grande convegno wellesiano del 2006 (Welles è uno dei punti nodali della sua riflessione sul cinema). Tanto più fa piacere vedere ora in libreria una sua raccolta di saggi: Lo sguardo plurale, a cura di Maria Cristina Addis, Bulzoni, pp. 264, € 20. Scopo del libro è di riflettere sulla nozione di modernità.

Le sezioni coprono l’evoluzione del cinema com’è sistematizzata in tre momenti da Serge Daney, che è uno dei teorici di riferimento dell’autore (il primo è senza dubbio Gilles Deleuze): l’età d’oro del cinema classico, ossia il cinema come immaginaria finestra sul mondo (qui alla vecchia théorie des auteurs si sostituisce l’eloquente immagine dei film come cattedrali gotiche, opera collettiva per eccellenza); l’epoca della “perdita dell’innocenza”, la presa di coscienza che il cinema è pura arte dell’immagine; e il terzo è il momento attuale, dominato per Zunzunegui dalla “palude dell’audiovisivo”. Contro il cinema usualmente definito postmoderno (“puro deposito di immagini”), Zunzunegui rivendica quegli autori di resistenza che “si pongono il problema di ereditare la tradizione rinnovandola creativamente”.
Naturalmente non è necessario concordare con la visione dell’autore (chi scrive si dispiace che la sua pur coerente presa di posizione gli impedisca di applicare al cinema commerciale contemporaneo la nozione, a lui assai cara, di bricolage) per apprezzare questa serie di saggi felici e illuminanti, e anche impreziositi da una vis didactica che gli fa onore.
Si apre con il “quasi classico” Gregory La Cava (riportando opportunamente all’attenzione un regista ingiustamente poco considerato); segue un saggio su Val Lewton, il grande produttore degli horror RKO, che bene mette in rilievo il carattere di meta-testo sotteso ai suoi film. Seguono Renoir, Buñuel (esaminato come sguardo filosofico, “pensiero figurativo”) e Godard, che per Zunzunegui incarna con À bout de souffle la frattura stessa della modernità. Quindi Bertolucci e Kaurismäki, dalla dimensione “statuaria”, Lanzmann, Marker, e passando per De Oliveira e Straub-Huillet si arriva alla grande triade giapponese Kurosawa, Ozu, Mizoguchi in tre bellissimi saggi, onde rincresce che quest’escursione nei territori orientali non prosegua; chi scrive avrebbe desiderato un capitolo su un autore che certamente è nelle corde di Zunzunegui quale Hou Hsiao-hsien; ma è pur vero che un libro non può comprendere tutto. Il volume si conclude con una sezione intitolata “Questioni di teoria” – ma lo spazio è tiranno più del temuto Harry Cohn della Columbia, e dovremo fermarci qui.

One Comment

  1. Erasmo says:

    La notizia che il volume contiene tre saggi sulla triade giapponese è, per me, un grande incentivo all’acquisto! Quanto abbiamo bisogno noi, scrittori liberi, scrittori per passione, dei teorici, dei fecondatori di idee che alimentino le nostre riflessioni, affinché non scadano nella banalità dell’impressione!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly