adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Il passaggio della linea (2007)

sabato 2 Luglio, 2016 | di Lisa Cecconi
Il passaggio della linea (2007)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE PIETRO MARCELLO
La vita a bordo
“C’è qualcosa nel fischio di un treno che è molto romantico e nostalgico e pieno di speranza” disse una volta Paul Simon. Il passaggio della linea, primo lungometraggio di Pietro Marcello, presentato nel 2007 alla 64° Mostra del Cinema di Venezia, è un viaggio dietro le quinte di quella sensazione, tra le storie e l’umanità racchiuse dai vagoni.

Il titolo del documentario richiama l’opera omonima di Georges Simenon, Le passage de la ligne, citata peraltro nell’incipit del film, e non è difficile rintracciare nel documentario di Marcello i temi della libertà, dell’identità stravolta e dell’abbandono delle proprie origini trattati dallo stesso Simenon ne L’uomo che guardava passare i treni. Qui il punto di vista è ribaltato e lo sguardo viaggia a bordo dei treni a lunga mediacritica_il_passaggio_della_linea_290percorrenza che attraversano l’Italia: un alternarsi di volti, passaggi e presenze che lasciano alle spalle le banchine e si assiepano nei corridoi, per poi riversarsi nuovamente nel mondo. È l’Italia dei pendolari e quella di chi viaggia, spinta dalla necessità o dalla volontà di un cambiamento. Spesso è anche l’Italia degli ultimi, immigrati e emigranti, precari ed emarginati, con storie di carcere, permessi di soggiorno, continuamente costretti ad esibire la propria esistenza certificandola con i documenti. Come fa Arturo, il novantenne dallo sguardo glauco che dalla vita sul treno non scende ormai da anni, per sfuggire al ricovero che la legge ha stabilito per lui e rivendicare intatte opinioni e indipendenza. Di queste facce meste e indurite, che ora si mostrano nella molteplicità di colori e lineamenti, ora aleggiano come fantasmi tra i corridoi bui, la macchina da presa si fa testimone, scrutando la vita stipata tra le intercapedini, o rannicchiata sui sedili con il cappuccio calato sugli occhi. Il treno è un mezzo, ma anche una madre, un ventre dove “la casa è assicurata”. Ma allo stesso tempo è un mostro insensibile, una macchina che tracima vite e speranze, sballottandole con indifferenza stazione dopo stazione. Dopo aver raccolto le testimonianze di chi lo abita, la regia se ne distoglie per esplorare il paesaggio fuori dai finestrini, tra le stazioni deserte illuminate al neon e le luci delle città che fluttuano nella notte come meduse iridescenti. La libertà del montaggio, che si affinerà nel successivo La bocca del lupo, compone sinfonie visive di poetica bellezza. Trento, Foggia, Caserta e Torino si rincorrono in simmetrie impossibili, mentre il giorno si fa strada e le figure si stagliano solitarie, come quadri iperrealisti. La rassegnazione spegne la rabbia, gli sguardi intenti scrutano fuori dai vetri come a scandagliare un’opportunità. All’arrivo segue la sosta, poi tutto riprende in una nuova partenza, in un eterno ritorno di gente per cui “la cosa più interessante, al mondo, è quella di essere vivi”.

Il passaggio della linea [Italia 2007] REGIA Pietro Marcello.
SOGGETTO Pietro Marcello. FOTOGRAFIA Daria D’Antonio. MUSICHE Mirko Signorile, Marco Messina.
Documentario, durata 57 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly