adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Zero Theorem – Tutto è vanità

sabato 9 Luglio, 2016 | di Stefano Lalla
The Zero Theorem – Tutto è vanità
In sala
4
Facebooktwittermail
Voto autore:

“Zero must equal 100%”
Con un ritardo di tre anni e una distribuzione estiva che taglia le gambe a qualsiasi prospettiva economica, arriva in Italia l’ultima fatica di Terry Gilliam, The Zero Theorem, un film che potrebbe attirare il pubblico degli affezionati del regista di Brazil se questi non lo avessero già scaricato da tempo per vederlo in lingua originale.

Qohen Leth (Christoph Waltz) è un programmatore di grande talento ma alienato dal resto del mondo e terrorizzato dalle interazioni sociali, che si muove sullo sfondo di una grande metropoli interculturale. Un giorno, Management (Matt Damon) lo incarica di lavorare sullo Zero Theorem, un’equazione infinitamente complessa che, se dimostrata,mediacritica_the_zero_theorem_290 proverebbe che la somma degli elementi dell’universo è pari a zero e quindi, per estensione, che l’esistenza è vana. Il capitale, insomma, finanzia la ricerca ma cela il profitto e utilizza gli individui più isolati perché non fanno domande e sono prevedibili. In ogni caso, Qohen accetta l’incarico senza rifletterci troppo su, nonostante aspetti da anni la telefonata di un misterioso individuo che dovrebbe rivelargli il senso della sua vita. Qohen naviga tra i numeri usando un joypad e risolve lo Zero Theorem un pezzetto per volta, guidando i mattoncini che compongono l’espressione come in un videogioco di battaglie spaziali. È un personaggio esistenziale ma, allo stesso tempo, estremamente semplice: vuole solamente lavorare in pace e ricevere la telefonata che gli rivelerà il senso della sua vita. Ha solo due bisogni ed entrambi sono sistematicamente frustrati perché la telefonata non arriva ed è continuamente interrotto da scocciatori quando tenta di concentrarsi sul lavoro. Il mondo sembra congiurare contro la tranquillità di Qohen, la sua analista virtuale (Tilda Swinton) si manifesta sempre al momento meno opportuno e Management gli impone la compagnia di Bob, suo figlio e prodigio dell’informatica. I mesi passano e l’indifferenza di Qohen per lo Zero Theorem comincia a vacillare. La sua inquietudine si manifesta, infatti, attraverso l’incubo ricorrente di un colossale buco nero che inghiotte l’esistenza. The Zero Theorem aggiorna all’era degli iPhone la fantascienza distopica di Brazil; lo sporco steampunk artigianale lascia il posto ai colori accesi della realtà virtuale mentre la narrazione kafkiana che raccontava l’eccesso di burocrazia diviene isolamento del programmatore di mezza età, che lavora da casa e mangia pizza a domicilio. Il film soffre, però, di forti schematismi che ne banalizzano il contenuto esistenziale, già un po’ fuori tempo massimo, e bisogna notare che lo stile surreale e ironico di Terry Gilliam non è più così rilevante com’era trent’anni fa.

The Zero Theorem – Tutto è vanità [The Zero Theorem, Gran Bretagna/Romania/Francia/USA 2013] REGIA Terry Gilliam.
CAST Christoph Waltz, David Thewlis, Mélanie Thierry, Matt Damon, Tilda Swinton.
SCENEGGIATURA Pat Rushin. FOTOGRAFIA Nicola Pecorini. MUSICHE George Fenton.
Drammatico/Fantascienza, durata 107 minuti.

4 Comments

  1. Gianduia says:

    qualche zampata da vecchio maestro in un film che, dopo una buona partenza, diventa sempre meno acuto ed incisivo

  2. Spencer says:

    Non l’ho trovato un film pessimo, anche se sicuramente non è all’altezza di “Brazil”, e neanche ci si avvicina.

  3. Zero says:

    Il lascito di un grande!Bellissimo film!

  4. Andrea Porto says:

    Gilliam ha rotto le palle. Non se ne può veramente più…

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly