adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

The Witch

giovedì 18 agosto, 2016 | di Gabriele Baldaccini
The Witch
In sala
8
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Totem e tabù
Diciassettesimo secolo, New England. William, per non aver rispettato le leggi della comunità, viene allontanato assieme alla sua famiglia da una colonia puritana. Sua moglie Katherine è incinta e durante l’esilio dà alla luce il loro quinto figlio, Samuel, che scomparirà nel nulla, rapito da una misteriosa entità.

La più grande qualità di The Witch è senza ombra di dubbio quella di sapersi mostrare come se fosse un grande racconto popolare. Il suo secondo pregio è invece quello di non voler concretizzare del tutto la forza di una rappresentazione dell’ambiguo che poteva dare più slancio a quello stesso racconto rischiando però di farlo addentrare anche in un pericoloso vicolo cieco. mediacritica_the_witch_290Ciò che subito appare molto interessante è infatti come Eggers riesca a costruire una narrazione che rispetti i canoni della leggenda mistica, con elementi simbolici e una struttura dal grande impatto metaforico. Tuttavia è l’apparato stilistico che ha effettivamente una marcia in più: naturalismo da cinema contemplativo, squarci da videoclip d’autore (pensiamo alla sequenza nella quale viene per la prima volta mostrata quella che dovrebbe essere la strega) e una fotografia che ci verrebbe da definire impressionista (per come riesce a farci comprendere la percezione sensoriale dei vari protagonisti) fanno tutto il lavoro più sporco. Ma dove sta dunque il fulcro espressivo dell’impianto visivo eretto dal regista americano? Quali sono gli argomenti che riesce a far emergere con più forza? Se si scava, e nemmeno troppo a fondo, le immagini di The Witch ci dicono che il discorso ruota chiaramente attorno a tre elementi freudianamente fondamentali: il senso di colpa, i totem e i tabù. Due temi portanti sono infatti quello dell’orrore per l’incesto e quello dell’animismo e della magia. Ed è facile giocarli all’interno di un nucleo familiare – potrebbe sostenere qualcuno – ma non così facile sfumarli rendendoli allo stesso tempo chiari e sfuggenti. Le domande essenziali che dobbiamo farci per comprendere il “senso” del film, alla fine restano comunque due: stiamo assistendo alla proiezione della vita mentale di uno dei protagonisti oppure alla creazione di un mondo allegorico che funziona perché vuole dirci qualcosa di più riguardo a miti e leggende di uno specifico contesto socio-culturale? Stiamo parlando di un Reale che vuole mostrarci il potere distruttivo di una nevrosi in un contesto di isolamento o stiamo assistendo alla messa in scena di una grande folktale che vuole immagazzinarne tante altre? Insomma, tabù o totem? Non è facile risolvere il quesito. Ma è proprio lì, nella meraviglia che ci suscita il tentativo di trovare la risposta, che è racchiuso tutto l’incanto e il fascino di questo immaginifico e oscuro film.

The Witch [id., Canada 2015] REGIA Robert Eggers.
CAST Anya Taylor-Joy, Ralph Ineson, Kate Dickie, Harvey Scrimshaw, Lucas Dawson.
SCENEGGIATURA Robert Eggers. FOTOGRAFIA Jarin Blaschke. MUSICHE Mark Korven.

Horror, durata 90 minuti.

The Witch
4.1 12 81.67%

8 Comments

  1. Cacolatino says:

    Non vedo LETTERALMENTE l’ora di vederlo! Con “Goodnight Mommy” è la grande rivincita dell’horror, finalmente :)

  2. Kim says:

    bella recensione, mi sa che non lo vedrò, muoio di paura troppo facilmente O_o

  3. George says:

    In genere non sono un gran fan dell’horror, ma questo è un film che attendo molto, anch’io non vedo l’ora di vederlo!

  4. Andrea Lucanio says:

    Grandissimo film e interessante analisi. In realtà fa paura, ma non così tanto!

  5. Craven says:

    Voglio vederlo!

  6. Vins says:

    Ottima analisi davvero. Concordo in pieno, è superbo.

  7. Spencer says:

    Bella recensione! Un horror che mi è piaciuto soprattutto per le atmosfere (davvero ottima la fotografia)!

  8. Kaiser Franz says:

    Da sottolineare il gran lavoro di ricostruzione dell’inglese antico, che credo si perda nella versione doppiata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly