adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Break Up – L’uomo dei cinque palloni (1965)

sabato 3 Settembre, 2016 | di Juri Saitta
Break Up – L’uomo dei cinque palloni (1965)
Film History
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 31 agosto – 10 settembre 2016, Lido di Venezia

VENEZIA CLASSICI
Una crescente alienazione
Quant’aria può contenere un pallone? Questa è la domanda che si pone l’imprenditore Mario quando, verso Natale, una ditta gli vende una serie di palloncini gonfiabili. Prima scettico sull’acquisto, il protagonista sarà successivamente sempre più ossessionato dagli oggetti e dal proprio quesito, tanto da trascurare la futura moglie e da tormentare con i suoi dubbi dei conoscenti che non vogliono ascoltarlo.

Autore spesso interessato alla condizione dell’essere umano al tempo del capitalismo, Marco Ferreri con Break Up – L’uomo dei cinque palloni firma un’opera che tramite una storia breve e minimale restituisce allo spettatore una metafora originale e caustica sull’alienazione dell’uomo nella società contemporanea. Il protagonista, con la sua domanda palesemente superflua, mediacritica_break_up_l_uomo_dei_cinque_palloni_290è l’incarnazione di un’umanità sempre più distante dal proprio mondo, che si astrae gradualmente dalla realtà, come dimostra per esempio il progressivo allontanamento del personaggio da coloro che lo circondano. Un’alienazione che non è però soltanto astratta e metafisica, ma che proviene piuttosto dalla contemporaneità e dalla società capitalista: il dubbio di Mario nasce indirettamente dal mito dell’efficienza e dell’industrializzazione, come sottolineano il suo lavoro di imprenditore, alcuni dialoghi con la fidanzata e la sequenza della fabbrica. Il tutto esplicato tramite una narrazione assolutamente essenziale, che anticipa quella ancora più sfumata del successivo Dillinger è morto. La pellicola è composta da pochi eventi eclatanti, in quanto impegnata a seguire la giornata complessivamente oziosa di Mario, tra le liti con i domestici, le conversazioni un po’ annoiate con la futura moglie e gli occasionali incontri con gli amici. Un racconto esile dall’andamento lento utile a evidenziare con maggiore efficacia la crescente ossessione del protagonista, condizione che si fa palese nei suoi tratti allucinatori nell’episodio del locale (girato metà a colori e metà in bianco e nero), che con il suo delirio onirico e surreale raffigura l’alienazione al centro dell’opera. Un ritmo narrativo che evidentemente non piacque al produttore Carlo Ponti, che nel 1965 tagliò la pellicola riducendone nettamente la durata per farne un mediometraggio da inserire nel film a episodi Oggi, domani, dopodomani: un’operazione che non ridusse però soltanto i minuti dell’opera, ma anche buona parte della sua incisività. Fortunatamente, quattordici anni dopo il regista riuscì a distribuire la pellicola nella sua versione completa, aggiungendo inoltre le scene a colori prima citate. Il film originale è stato restaurato e inserito nella sezione “Venezia Classici” della 73. Mostra del Cinema: un atto necessario per recuperare un’opera pregnante e significativa.

Break Up – L’uomo dei cinque palloni [id., Italia/Francia 1965] REGIA Marco Ferreri.
CAST Marcello Mastroianni, Catherine Spaak, Ugo Tognazzi, William Berger, Ennio Balbo.
SCENEGGIATURA Marco Ferreri, Rafael Azcona. FOTOGRAFIA Aldo Tonti. MUSICHE Teo Usuelli.
Grottesco/Commedia, durata 85 minuti.

Break Up – L’uomo dei cinque palloni (1965)
3.8 9 75.56%

2 Comments

  1. Edop says:

    Bellissima analisi! ho avuto la fortuna di recuperarlo qui al Lido. Trovo anche che possa essere considerato un po’ l’anello di congiunzione tra la prima fase della carriera di Ferreri, con le commedie dall’impianto in qualche modo più “classico”, e la seconda sempre più astratta, laconica e di ricerca.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly