adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Frantz

martedì 6 settembre, 2016 | di Michele Galardini
Frantz
Festival
1
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

73. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia, 31 agosto – 10 settembre 2016, Lido di Venezia

VENEZIA 73 – IN CONCORSO
Marcia in asincrono dei sentimenti
Germania, 1919. La guerra è da poco terminata e una ragazza, Anna, si reca sulla tomba del fidanzato Frantz, caduto in battaglia. Un giorno nota un giovane francese, dall’aria distinta, posare un mazzo di fiori sulla stessa tomba. Adrien dice di aver conosciuto Frantz durante il conflitto, ma non è chiaro in quali circostanze.

Al ritmo di un film all’anno, François Ozon riesce comunque a presentarsi, puntuale, all’appuntamento con critica e pubblico senza ripetersi, con opere ogni volta diverse e spiazzanti. Caso raro nel cinema d’autore contemporaneo (David Lynch è fermo dal 2006, Quentin Tarantino ha fatto 10 film in 24 anni, Nicolas Winding Refn latitava dal 2013 fino a The Neon Demon etc.), il regista francese è sbarcato a Venezia, in Concorso,mediacritica_frantz_290 con Frantz, suo primo film di guerra, in bianco e nero e parlato in tedesco. Ozon cambia pelle, lo fa in modo radicale: recupera L’Homme que j’ai tué, lavoro teatrale di Maurice Rostand già portato al cinema nel 1932 da Ernst Lubitsch con L’uomo che ho ucciso; gli dà una patina da mélo contemporaneo; sperimenta sequenze al fronte e, in definitiva, realizza una delle sue opere più emozionanti. Ozon gioca con temi, tipicamente melodrammatici, come la colpa e il perdono per poi “virare verso la desincronizzazione dei sentimenti”. Cosa significa? Che ogni movimento di Anna, la bellissima 21enne Paula Beer, tradisce le sue reali intenzioni: lascia il cimitero per tornare a casa e rientrare nella dimensione del ricordo del fidanzato scomparso, ma in realtà sta camminando verso Adrien, prende il treno per ritrovare quest’ultimo ma sa benissimo che lo sta per perdere. Una desincronizzazione non solo dei gesti, ma soprattutto del montaggio che rompe continuamente le leggi di continuità (la ragazza cammina da sinistra e destra e nell’immagine successiva rientra dalla destra del quadro) e della macchina da presa espressiva che riprende le leggi del cuore, giocando col colore un po’ come Dolan plasmava il formato in Mommy, entrambi sintomi di un’interiorità debordante, di sentimenti più forti del cinema stesso. Prima del finale hitchcockiano (anche qui movimento in asincrono rispetto a Vertigo) che ribalta le aspettative aprendosi ad un nuovo genere, il thriller sentimentale, Ozon racconta e dirige, con coerenza estrema, un melodramma anti-nazionalista, in opposizione ai trattati di Versailles, pacifista, in opposizione a tutte le guerre, e profondamente europeo, in opposizione a Hollywood e alla magniloquenza deflagrante con cui racconta ogni conflitto (vedi Hacksaw Ridge di Mel Gibson, sempre a Venezia 73).

Frantz [id., Francia/Germania 2016] REGIA François Ozon.
CAST Pierre Niney, Paula Beer, Ernst Stötzner, Anton von Lucke.
SCENEGGIATURA François Ozon, Philippe Piazzo. FOTOGRAFIA Pascal Marti. MUSICHE Philippe Rombi.
Drammatico/Storico, durata 113 minuti.

Frantz
3.3 8 65%

One Comment

  1. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2016 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly