adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Nick Cave – One More Time With Feeling

sabato 1 Ottobre, 2016 | di Chiara Checcaglini
Nick Cave – One More Time With Feeling
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

No past, no future
Il figlio adolescente di Nick Cave, Arthur, muore il 14 luglio 2015, cadendo da una scogliera poco fuori Brighton, dove la famiglia Cave risiede. Poco più di un anno dopo esce One More Time With Feeling, il film che il musicista ha messo nelle mani dell’amico regista Andrew Dominik, per dare una forma espressiva all’irrappresentabile dolore.

L’evento traumatico è inseparabile dagli aspetti creativi della vita dell’artista, in particolare si intreccia con la produzione del sedicesimo album di Nick Cave and the Bad Seeds, Skeleton Tree, scritto prima della tragedia, ma finito di registrare in un periodo di poco successivo. Nel film si dispiegano, e a volte cozzano, due intenzioni differenti: dal punto di vista emotivo il film è praticamente un instant movie sul dolore, sulla consapevolezza dell’impossibilità di allontanarsi, mediacritica_nick_cave_one_more_time_with_feeling_290non importa quanto tempo e quanta distanza vi si frappongano, dal buco nero del trauma – spiegata da Cave attraverso la folgorante immagine dell’elastico; dal punto di vista formale è invece un’opera fortemente costruita, chiaramente pensata per la proiezione in 3d (questa recensione si riferisce invece, purtroppo, a una visione in 2d), zeppa di soluzioni visive volutamente eccessive e stranianti, a volte difficili da comprendere. Funzionano espedienti come il disvelamento iniziale della messa in scena, l’esaltazione luministica dei contrasti, la forte distanza focale tra sfondo e primo piano, la progressione dai movimenti di macchina mobili e circolari delle prime performance alla maggiore fissità delle ultime; convince meno la necessità di attraversare e penetrare artificialmente materiali e oggetti (spiegabile come esigenza dell’output 3d), così come certe vette di didascalismo che ribadiscono inutilmente quanto già perfettamente espresso dalle immagini e, soprattutto, dalle parole. Le riflessioni sempre paurosamente lucide di Cave, spesso incalzato dal regista, e della moglie Susie, si alternano alle performance dei brani di Skeleton Tree, i cui testi testimoniano la virata verso l’indecifrabile di un artista che “non crede più nella narrazione”, come già emergeva nel recente, eppure ora così lontano, 20.000 Days on Earth. One More Time With Feeling rischia di passare per un film ancora più ambizioso, quando in realtà è più che altro un film oltremodo esigente, che chiede allo spettatore di conoscere quanto accaduto e di accettare la documentazione di un lutto non ancora elaborato, secondo un patto tra protagonista e regista – filmare tutto, chiedere tutto – che esibisce il disequilibrio tra le occorrenze del guardare e la disposizione del “monumento malconcio” guardato. È il faticoso amalgamarsi di tutte queste anime, e soprattutto la ridondanza tra la presenza magnetica e ingombrante di Cave e quella altrettanto, troppo, ingombrante della regia (e del regista) che finiscono per frenare l’impatto emozionale potenzialmente universale del film.

Nick Cave – One More Time With Feeling [One More Time With Feeling, Gran Bretagna 2016] REGIA Andrew Dominik.
CAST Nick Cave, Warren Ellis, Susie Bick, Earl Cave, The Bad Seeds.
SOGGETTO Andrew Dominik. FOTOGRAFIA Benoît Debie, Alwin H. Küchler. MUSICHE Nick Cave and the Bad Seeds.
Documentario, durata 112 minuti.

2 Comments

  1. Moschio says:

    Io invece l’ho trovato sempre emozionale e anche la regia mi ha conquistato, sopratutto perchè non si limita a raccontare ma si emoziona. 🙂 Un trattato sul dolore e sullo sfogo attraverso le noti dolenti della musica.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly