adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Nosferatu, il principe della notte (1978)

sabato 8 ottobre, 2016 | di Massimo Padoin
Nosferatu, il principe della notte (1978)
Film History
0
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE WERNER HERZOG
Rosso come il sangue, bianco come la paura
Che colore ha la paura? Istintivamente qualcuno potrebbe rispondere rosso, come il sangue, oppure nero, come la notte il cui buio che cela l’orrore, oppure il verde rancido di un corpo in decomposizione. Ma se fosse il bianco, colore puro per eccellenza, candido come è Lucy, interpretata da un Isabelle Adjani quasi fantasmatica, o come la pelle cadaverica del vampiro Nosferatu di Klaus Kinski, figura intrisa di una triste e rassegnata alterità?

Se Herzog nel suo Nosferatu, il principe della notte utilizza il bianco sui suoi protagonisti caricandoli di una dicotomia che li pone contemporaneamente agli antipodi ma fatalmente legati l’uno all’altra, a partire proprio dai sogni premonitori di Lucy fino a una malattia che sembra abbracciare la donna fin dalle prime battute, il bianco che avvolge fotograficamente la pellicola crea un surplus visivo di minor facilità interpretativa.mediacritica_nosferatu_il_principe_della_notte_290 La luce neutra, quasi mai veramente calda o fredda, esasperata dalla asetticità degli intonachi degli interni e da un cielo in cui il sole sembra essersi defilato completamente, abbraccia la pellicola lasciandola sospesa nel biancore irrequieto, abbandonando la vicenda in una sorta di limbo privo di emozioni. Parlare del bianco come colore della paura in questo caso sarebbe sbagliato allora, ed è vero che lo sguardo che Herzog dona alla pellicola è in un certo senso sbarrato di fronte a una realtà mostruosa: in questo senso lo sguardo di Lucy perfettamente si allinea a quella irrequietezza emotiva che inquieta per intero la pellicola… ma la paura in Nosferatu è altro. È una pellicola che preferisce spogliare visivamente le venature orrorifiche tardo-romantiche che il capolavoro di Murnau possedeva e ancor più il testo originario di Bram Stoker, senza però ovviamente rinunciare alla potenza di alcune immagini diventate iconiche nella storia del cinema (in particolare rovesciando l’abbraccio di Nosferatu, durante il quale Lucy nella notte si lascia ghermire). Il Nosferatu di Herzog non è un mostro, ma il frutto di una natura che per forza di cose non è buona o cattiva, un demone discreto che muore come uno scarafaggio rannicchiato, orrendo da vedere ma dalla cui sua natura non può fuggire. Le creature della notte che si scatenavano nell’originale, qui invece sono un preludio – come L’oro del Reno di Wagner sta a sottolineare – alla realtà di un male che esiste indipendentemente dalla propria volontà, come rassegnazione alla propria natura. È questa la vera paura che la neutralità del bianco cela nel film. Per questo il Nosferatu di Herzog è un capolavoro capace di rapportarsi con sfrontatezza alla storia del cinema senza subirne la devozione, riappropriandosi di un testo sia visivamente che narrativamente, il tutto mantenendo inalterato il testo originario, in una discrezione scioccante: l’orrore nella sua accezione più neutra.

Nosferatu, il principe della notte [Nosferatu: Phantom der Nacht, Germania Ovest 1979] REGIA Werner Herzog.
CAST Klaus Kinski, Isabelle Adjani, Bruno Ganz, Roland Topor.
SCENEGGIATURA Werner Herzog. FOTOGRAFIA Jörg Schimdt-Reitwein. MUSICHE Popol Vuh.
Horror, durata 107 minuti.

Nosferatu, il principe della notte (1978)
2.86 7 57.14%

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly