adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Io, Daniel Blake

sabato 22 Ottobre, 2016 | di Teresa Nannucci
Io, Daniel Blake
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE KEN LOACH
Il castello di Kafka
Daniel Blake è un uomo di mezz’età che, in seguito a un malore, si trova preso tra due fuochi: da un lato l’impossibilità di tornare a lavoro imposta dalle certificazioni mediche, dall’altro il rifiuto degli indennizzi statali per un’invalidità non ritenuta tale. Mentre Daniel cerca di dirimere le questioni burocratiche, il tempo scorre e l’uomo deve far fronte a necessità puramente alimentari. A lottare insieme a lui incontra altre persone, tra cui Katie, giovane madre ridotta sul lastrico dall’incuria assistenziale.

Dopo tanta attività sociale e politica, Ken Loach riceve la Palma d’Oro a Cannes 2016 con Io, Daniel Blake, un film sicuramente meno di impatto e meno spettacolare, forse persino meno poetico, degli altri titoli in competizione, ma che regala momenti di innegabile commozione e di sapiente ironia caustica.  mediacritica_io_daniel_blake_290Pur nell’esagerazione di alcune dinamiche, Loach continua a presentare con semplice linearità l’eterna lotta tra il singolo individuo e l’inadempienza burocratica, senza mai cadere nella retorica populista o in riottosi escamotage. Sullo sfondo di una serie pressoché infinita di figuranti che cercano in tutti i modi di deresponsabilizzare se stessi e lo Stato nel prendere qualunque decisione utile al miglioramento delle condizioni dei singoli, due anime emergono forti e decise, unite dalla forza con cui cercano di sottrarsi all’uniformità grigia delle stanze paragovernative. Welfare, inadeguatezza assistenziale, ottusità istituzionale e lotta individuale sono ormai diventati dei veri e propri capi saldi della carriera di Ken Loach, fuori e dentro dalle sale cinematografiche. Tutta la forza di decenni di lotte contro i mulini a vento della burocrazia arroccata in castelli kafkiani si riversa nelle ultime produzioni del regista, comprese le avventure (dal sapore a tratti western, a tratti iperrealistico) di Daniel Blake. I piccoli gesti di disobbedienza civile e di disperazione diventano esplosioni disperate di un’umanità in cerca di complicità e in questo lo sguardo rassegnato della coprotagonista Haylay Squires avrebbe molto da insegnare anche agli interpreti più navigati (memorabile l’episodio del banco alimentare sociale). Ad accompagnare alcuni fili narrativi ben riusciti ce ne sono altri che rimangono in sordina, che non raggiungono un’adeguata completezza argomentativa e che quindi risultano in fondo un po’ avulsi e ridondanti (per esempio il commercio di scarpe taroccate o l’accenno alla risonanza mediatica dei graffiti di Daniel). Ken Loach firma un film potente nella sua semplicità, che, anzi, paga per i momenti in cui cerca di moltiplicare e sovrapporre le narrazioni presentate, ma che riesce ad ottenere l’impatto decisivo grazie ad alcune vette di spiazzante realismo, con l’aiuto determinante di due protagonisti perfettamente in parte.

Io, Daniel Blake [I, Daniel Blake, Gran Bretagna/Francia 2016] REGIA Ken Loach.
CAST Dave Johns, Haylay Squires, Briana Shann, Dylan McKiernan.
SCENEGGIATURA Paul Laverty. FOTOGRAFIA Robbie Ryan. MUSICHE George Fenton.
Drammatico, durata 100 minuti.

2 Comments

  1. Luca says:

    Un film toccante, duro, realistico. Ma soprattutto un film necessario.

    Sarebbe bello avere qualche regista italiano in grado di raccontare con questa lucidità e questo piglio critico il mondo del lavoro (magari anche in Italia). E invece dobbiamo “accontentarci” di un ottantenne inglese (lunga vita Ken Loach!)

  2. Parker says:

    Bellissimo film!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly