adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

7 minuti

sabato 5 Novembre, 2016 | di Erasmo De Meo
7 minuti
In sala
2
Facebooktwittermail
Voto autore:

Quel che non ti aspetti
7 minuti è un film che richiede immedesimazione o non può funzionare. Immaginatevi allora operaie ed operai tessili e immaginate che la fabbrica da cui prendete “due soldi di speranza” per tirare avanti la vostra famiglia stia per chiudere e che per mesi vi lascino vivere col sospetto di una crisi imminente, finché si sparge la voce di una fusione con un’azienda estera, un grande nome del settore.

Il giorno in cui viene discusso il nuovo contratto la rassegnazione sui volti delle persone con cui lavorate da anni è ben visibile, nessuno spera in una buona notizia: c’è chi già pensa a come scioperare, chi a come opporsi alle palesi ingiustizie e la rabbia si legge ovunque a fil di pelle. Infine quello che chiedono i nuovi amministratori sono sette minuti in meno di pausa pranzo:mediacritica_7_minuti_290 questa l’unica clausola a svantaggio delle dipendenti. Cosa sono sette minuti in più al giorno a fronte di un probabile licenziamento? Chiunque firmerebbe senza pensarci più di sette minuti! Chi pensava a come protestare ora si occupa di come festeggiare al meglio, avverte subito parenti e amici e i sospiri di sollievo si mescolano alle grida di gioia. Ma è davvero così facile accettare, piegarsi, rinunciare? Quanto siamo disposti a giocarci nella bilancia dei compromessi? Michele Placido, riadattando un testo teatrale di Stefano Massini, sceglie di toccare, come spesso ha fatto nella sua carriera da regista, dal primo Pummarò (1990) all’ultimo La scelta (2015), un nervo scoperto dell’attualità sociale, tastando e testando reazioni e motivazioni, ipotizzando cause e conseguenze, facendo di ogni film una disamina non esaustiva ma sempre intelligente di una questione aperta. Non c’è pretesa di fare nulla di nuovo, né nella forma che riprende l’ipercitato La parola ai giurati di Lumet, né nel contenuto che ricalca la sceneggiatura teatrale e si muove in contesti già visti al cinema. Ma l’obiettivo di Placido sembra stare tutto nel dare vivezza ai personaggi: ed ecco undici donne che sono figure vibranti, ritratte in rilievo, con gesti colti nell’attimo decisivo a sopravvivere, nell’acme espressivo, con battute piene di colore come fossero pennellate dense, pastose e variegate, intrecciate in schermaglie luminosissime come fari proiettati sulle vite “minori” di donne semplici. Si guardi alla differente rappresentazione della donna di successo, l’amministratrice dell’azienda francese acquirente, e le donne operaie fuori la fabbrica, si guardi a come il velo di eleganza cada di fronte alla schietta impulsività, si guardi a quanto i principi e le necessità abbiano per ciascuna volti e risvolti ben differenti, si guardi a ciò che è dentro e fuori la fabbrica, a ciò che è dentro e fuori le stanze in cui ci sono le due riunioni, a ciò che quei vetri e quelle pareti rappresentano. Lo si guardi bene questo 7 minuti e si resterà sorpresi e con gusto.

7 minuti [Italia 2016] REGIA Michele Placido.
CAST Ambra Angiolini, Cristiana Capotondi, Violante Placido, Ottavia Piccolo.
SCENEGGIATURA Stefano Massini, Michele Placido. FOTOGRAFIA Arnaldo Catinari. MUSICHE Paolo Buonvino.
Drammatico, durata 88 minuti.

2 Comments

  1. Nando. says:

    Il Film è poco reale, perché in nessuna azienda italiana attualmente non si sarebbe accettata la condizioni dei 7 minuti, “purtroppo”.
    Personalmente mi trovo dopo quasi 30 anni di lavoro ad essere stato licenziato avendo subito una serie di compromessi che la mia azienda ha attuato.

  2. Erasmo says:

    Una realtà poco credibile, concordo, se non fosse basata su un evento reale accaduto in Francia, alla Lejaby di Yssingeaux! La realtà supera il verosimile, come succede spesso. Mi spiace per la sua vicenda personale, ma quanto le donne di quell’azienda hanno fatto, amplificato da questo film, può essere un segno di speranza per molti, una porta non chiusa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly