adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Sing Street

sabato 12 Novembre, 2016 | di Vincenzo Palermo
Sing Street
In sala
9
Facebooktwittermail
Voto autore:

The Kiss
Sulla “sing street”, tra Irlanda e Inghilterra, post-punk e synth pop, John Carney recupera anima e note di un’epoca infarcita di icone, look stravaganti e rivoluzioni musicali, facendo sfilare i suoi adolescenti in cerca d’amore per le vie di una Dublino ruvida e spietata.

Carney ambienta la sua storia di redenzione nell’Irlanda della recessione, dell’immigrazione sfrenata e della disoccupazione, un coming of age che, anziché scimmiottare quegli Eighties dai quali nessuno è mai uscito vivo, si inserisce nel solco delle pellicole anni Ottanta, mantenendo salda la natura di film filologicamente incentrato sul periodo storico in cui la musica era la panacea di tutti i mali. mediacritica_sing_street_290I “dubliners” osservavano la rivoluzione musicale dietro gli schermi domestici, mentre in Inghilterra la New Wave ridisegnava le inquietudini di una generazione ancora inebriata dalle scorie impazzite del post-punk. Tutto ciò che desidera Conor, sedicenne costretto – a causa delle ristrettezze economiche dei genitori e del loro imminente divorzio – ad un’educazione austera presso l’istituto cattolico di Synge Street, è l’attenzione di una incantevole ragazza, forse solo un suo bacio. “Kiss me, kiss me, kiss me, your tongue is like poison” cantavano i The Cure, recuperando quella fenomenologia del bacio salvifico e insieme cimiteriale che risaliva al maledettismo francese, e sembra soffrire con loro il protagonista, ribattezzato Cosmo dalla sua dea che, poi, tanto irraggiungibile non è: al ragazzo basta infatti sfoderare i prodigi della sua ugola, formare una band e diventare il suo personale cantastorie, proprio come l’autore che ha dato vita al suo personaggio sullo schermo, quel John Carney ex bassista dei The Frames e regista di Once e Tutto può cambiare. Tra nostalgia e recupero dotto, finzione e racconto biografico, Carney dimostra di essere un impeccabile bardo dei tempi moderni utilizzando la musica – scritta da lui insieme a Gary Clark – come chiave di volta attraverso cui decifrare i sogni romantici degli adolescenti. Dalla ballata a due di Once, il regista ci insegna che “tutto può cambiare”, che la rabbia per i problemi familiari irrisolti e per un’educazione di strada feroce può essere superata grazie alle melodie di Duran Duran, Jam, Hall & Oates, Spandau Ballet e alle amorevoli cure di un fratello-mentore. Forse solo così è possibile diventare “happy-sad”, etichetta che, in modo geniale e profetico, il fratellone di Cosmo affibbia a Robert Smith. Le emozioni sprigionate da accordi e parole sono note impazzite che rimbalzano da un luogo all’altro dell’anima, frugano nel proletariato allo sbaraglio e si infrangono contro il mondo degli adulti, ma le vibrazioni scatenate diventano l’eco di una generazione intera, risuonando anche al di fuori delle sale concerto, dove le luci del palcoscenico si spengono e la realtà diventa imprescindibile sogno d’evasione.

Sing Street [id., Irlanda 2016] REGIA John Carney.
CAST Lucy Boynton, Maria Doyle Kennedy, Aidan Gillen, Jack Reynor, Kelly Thornton.
SCENEGGIATURA John Carney. FOTOGRAFIA Yaron Orbach. MUSICHE Gary Clark, John Carney.
Commedia/Musicale, durata 105 minuti.

9 Comments

  1. HeyHoLet'sGo! says:

    Ma è bellissimo!!

  2. Spencer says:

    Visto ieri. Al netto di qualche occasionale forzatura narrativa, secondo me è proprio un buon film, molto efficace per il suo ritmo incalzante e, soprattutto, per l’ottima colonna sonora.

  3. Lucia says:

    Gran bella recensione e film stupendo! Musica come terapia!

  4. Irene says:

    Bellissima e poetica recensione. Anche io l’ho trovato molto coinvolgente e a tratti davvero intenso. Lo consiglio a tutti!

  5. Vins says:

    Grazie 🙂

  6. Caterina Lennox says:

    Complimentoni all’autore del pezzo! Il film rilassa, diverte, stupisce ed emoziona tanto. Un mix di allegria e spensieratezza!

  7. Atmosphere says:

    Pianti dall’inizio alla fine 🙁

  8. Phillo says:

    Una poesia visiva che non può lasciare indifferenti!

  9. Lucinda says:

    Mi ha annoiato parecchio purtroppo. O meglio, l’ho trovato superficiale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly