adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

3 Generations – Una famiglia quasi perfetta

sabato 26 Novembre, 2016 | di Maria Cristina Andrian
3 Generations – Una famiglia quasi perfetta
In sala
1
Facebooktwittermail
Voto autore:

It’s Not About Ray
Un’adolescente decide di cambiare sesso e improvvisamente il mondo che credeva di conoscere si spacca tra favorevoli e contrari, tra mamma e nonna, una che non approva e l’altra sì. Ray si trova nel mezzo di una nuova, complicata e incasinatissima vita, in cui deve cercare il suo percorso. Che, come si può immaginare, è tutto in salita.

3 Generations – Una famiglia quasi perfetta non è un brutto film, ma è un film mal fatto e, ironicamente, l’orrido titolo italiano azzecca il problema. Ovvero che in quest’opera Ray, il supposto protagonista, quasi non c’è. La sua lotta nella ricerca di sé, il suo punto di vista, in generale la sua presenza sono sfocate. Oltre a non essere fisicamente presente sullo schermo per una buona metà dei novanta minuti di film, mediacritica_3_generations_290Ray è di fatto usato solo come specchio per riflettere i dubbi e i problemi degli altri che lo circondano. Parenti e amici non fanno che rovesciare su di lui dubbi, speranze o giudizi, trasformandolo di volta in volta in un simulacro dei propri punti di vista, ma senza considerare la sua di figura. La scelta di Ray impatta più su di loro che non sul protagonista stesso. Protagonista che, fra l’altro, presenta il non trascurabile problema di essere strutturato in modo tale da presentarsi come un piccolo ammasso di isteria. Nella smania di creare pathos ed emozione, il personaggio salta fuori dal copione trasformandosi in una trottola impazzita di sentimentalismi mal diretti, una sorta di drama queen che proprio in virtù dell’esagerazione di certe battute risulta poco credibile. Non è colpa di Elle Fanning, che presta il volto a Ray con un buon grado di convincimento, in generale il cast il suo mestiere lo sa fare, ma ogni slancio viene stroncato da una sceneggiatura tronfia e molto piena di sé. Alla fin fine, lo sguardo che segue le vicende di Ray, di sua madre e di sua nonna, non è né uno sguardo imparziale che lascia spazio alla vicenda, né una vera e propria voce narrante. È piuttosto una presenza paternalista, e sembra credersi il primo ad aver parlato delle problematiche che le persone transgender affrontano. Il punto è che tali questioni, in un film troppo preso dalla sua stessa importanza, sono abbozzate e stereotipate, e, peggio ancora, mai davvero lasciate a Ray, vera presenza-assenza nella pellicola.

3 Generations – Una famiglia quasi perfetta [About Ray, USA 2015] REGIA Gaby Dellal.
CAST Elle Fanning, Naomi Watts, Susan Sarandom, Sam Trammel.
SCENEGGIATURA Nikole Beckwith, Gaby Dellal. FOTOGRAFIA David Johnson. MUSICHE Michael Brook.
Drammatico/Commedia, durata 88 minuti.

One Comment

  1. Erasmo says:

    Concordo con la visione spesso stereotipata di questo tema, ormai presente così spesso da sembrare a molti produttori (solo loro?) una presenza necessaria e doverosa, quasi obbligata. E visto che poi la cosa si diluisce in prodotti/opere di ogni levatura raccoglie in pochi casi una “giusta” trattazione e nella maggior parte dei casi una galleria di macchiette e caricature insopportabili e anche più irrispettose di quanto sarebbe non parlarne.
    All’inizio del film la decentralizzazione dal protagonista mi sembrava una scelta, anche positiva, poi ho capito che il castello poggiava su nulla di serio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly