adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Crisis in Six Scenes – Season 1

sabato 10 dicembre, 2016 | di Erasmo De Meo
Crisis in Six Scenes – Season 1
Serie TV
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Maniera di scrittura o di giudizio?
Per godere di Crisis in Six Scenes, commedia di Woody Allen in sei scene piuttosto brevi (circa venti minuti ciascuna), bisogna prenderla sul serio, forse anche con più serietà di quanta ne abbia messa lo stesso autore.

Uno spettatore casuale ne noterebbe l’approssimazione registica, la collocazione storica non ben caratterizzata, l’enfasi recitativa apparentemente gratuita. Sembrerebbe insomma un prodotto un po’ manieristico, senza controllo e senza grazia, e in una certa qual misura è innegabile che lo sia. mediacritica_crisis_in_six_scenes_290Ma se provassimo un attimo ad uscire dalla valutazione-usa-e-getta, dal paradigma che tra il like e l’indifferenza lascia vuote le innumerevoli gradazioni di spiacevolezza? Proviamoci. I coniugi Sidney e Kay Muntzinger vivono in una tranquilla villetta middle-class del tutto conformi allo stile di vita “di ogni cosa non troppo” che ha nell’accontentarsi il suo strumento principe. Attorno a loro gli Stati Uniti degli anni ‘60 ruggiscono e infiammano, ma loro rispondono con una spolverata di indignazione che non è altro che un desiderio camuffato di status quo. Dopo l’esplosione di una bomba alcuni attivisti sono costretti a cercare riparo nei posti più improbabili. Una di loro, Lennie Dale, si ricorda del vecchio legame di famiglia con la signora Muntzinger e si intrufola in casa loro. Nella permanenza stringe solidi rapporti con Kay e con Allen, ragazzo dalla carriera promettente ospite in casa. La sua passione politica e civile, il suo carisma li trascinano dalla sua parte e stravolgono i loro ideali. Mentre Lennie, Kay e Allen sono personaggi lineari, tratteggiati con evidenza e quasi con ovvietà, Sidney è la figura più interessante, con le sue paranoie e la sua incapacità di fare la cosa giusta in ogni circostanza. È il solo a restare graniticamente della sua idea, con una cocciutaggine che è forse l’aspetto più realistico dell’opera e ne costituisce lo spirito comico. Se il resto sa di falso è in un certo senso inevitabile, volti come quelli di Allen o della Cyrus non possono più ingannarci e diventare personaggio, ma io dico che sia anche sapientemente voluto, Allen ha lasciato la sua figura e quella di Miley tali da lasciar spazio ad una farsesca lettura di figure reali che sul set giocano ad essere altro ma parlano di se stesse. Il fatto che Sid insista sul fatto che sta scrivendo una serie tv ne è una traccia innegabile. Le gag sono quasi del tutto verbali, come da sua tradizione, ma qui sembra che Woody abbia imitato una di quelle costruzioni assurde e picaresche che erano le prime commedie sonore statunitensi: il modello sembra quello dei fratelli Marx – citati nel finale – dove alla loro esasperazione satireggiante si sostituisce un’esasperazione propria dell’anzianità che in ogni epoca vede dissolversi il suo posto nel mondo. La scena iniziale di Sid dal barbiere che chiede un taglio alla James Dean è la chiave per entrare in un’opera che forse col tempo verrà rivalutata.

Crisis in Six Scenes [Id., USA 2016] REGIA Woody Allen.
CAST Woody Allen, Miley Cyrus, Elaine May, John Magaro.
Commedia, durata 20 minuti (episodio), stagione 1.

Crisis in Six Scenes – Season 1
3 4 60%

2 Comments

  1. Kinatay says:

    È un interessante punto di vista, tra l’altro condivisibile! E però io penso anche alle dichiarazioni fatte da Woody, che ha detto di essersi pentito amaramente di essersi imbarcato in una cosa che non aveva la minima idea di come portare a termine… oppure è un ulteriore inside joke come dici tu per i riferimenti meta-seriali :)

  2. Erasmo says:

    Non credo si sia ad un livello di “joke” tale da poter fare anche questa ipotesi. Al contrario penso che forse si è dato molto, troppo peso a quella dichiarazione che ha condizionato un po’ ad ogni livello la percezione della serie. Magari si riferiva solo alle condizioni produttive o magari esagerava e non sapeva davvero, al momento dell’intervista come risolvere alcune cose (poi deve aver rivisto La notte all’opera dei Marx!). Ciò non toglie che al vedere la serie senza rumors-rumori di fondo, che distolgono dall’obiettività, questo imbarazzo di Allen non si nota proprio!
    In ogni caso son felice di aver potuto dare uno spunto condovisibile!

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.