adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The Young Pope – Season 1

sabato 10 dicembre, 2016 | di Marco Longo
The Young Pope – Season 1
Serie TV
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

L’assenza è presenza
Basterebbe partire dalla sigla di The Young Pope, prima serie televisiva ideata e diretta dal Premio Oscar italiano Paolo Sorrentino, per mettere sul tavolo alcune questioni salienti valide probabilmente per l’intero progetto e per il suo autore.

Anzitutto, laddove la maggioranza delle serie tv mette in sigla una rapida sequenza di immagini potentemente attrattive, Sorrentino inquadra con un lungo, unico, carrello laterale Jude Law mentre, negli abiti di Pio XIII, il papa eletto a sorpresa dal conclave romano e ora dotato di immensi poteri temporali e spirituali, percorre quella che in astratto potrebbe essere una galleria vaticana trasformata in night club. mediacritica_the_young_pope_290Il lettering dei credits, virato al blu elettrico di certe insegne al neon, accompagna la traversata solitaria di un uomo che, con molta probabilità, non è all’altezza del compito che gli è stato affidato, ma in virtù di una pressoché unica forma di contatto con Dio, di una impareggiabile scaltrezza politica e di un totale rifiuto delle forme precostituite della retorica rituale, incede sicuro come una cometa di fuoco nella Storia – la stessa che, magicamente, passa di dipinto in dipinto alle sue spalle, lasciando segni indelebili laddove non ci ricordavamo esistessero – e rilancia la propria performance con un occhiolino allo spettatore. La comparsa poi de La nona ora, celebre scultura di Maurizio Cattelan che ritrae Giovanni Paolo II travolto da un meteorite, lascia intendere non tanto l’istanza iconoclasta della serie, quanto una riflessione sulla dimensione mediatica e pop della figura papale, che Lenny Belardo incarna a modo proprio, cioè come un bambino che dovrebbe diventare il padre di tutti ma ancora non sa accettare di essere il figlio di nessuno, e intanto prende tempo, si nasconde, sapendo – e questo è uno degli spunti più interessanti della serie – che la presenza del papa, come per Dio, si genera dal mistero della sua assenza. Intorno al problema della propria orfanità, che come un fantasma dà inizio e provvisoriamente pone fine a tutta la vicenda, Sorrentino costruisce un uomo travolto dalle proprie ossessioni, ambiguamente oscillante tra chiusure superortodosse, a tratti fondamentaliste, che vorrebbero una Chiesa purissima e per pochi, e aperture all’Amore in cui la comunità cattolica e cristiana tout court oggi in modo definitivo si riconoscono. Questa continua oscillazione è per Sorrentino un gioco, tutto da giocare con il proprio cast stellare: adattandosi a un linguaggio televisivo che, almeno in parte, stempera l’esibito apparato tecnico delle sue regie, Sorrentino conferma il proprio gusto dell’eccesso nel groviglio idiosincratico di fatti, personaggi, intrighi, discussioni umane e divine, tentazioni e soprusi che continuamente nutre The Young Pope, lasciando pieni gli occhi dello spettatore ma inevitabilmente irrisolte le fragilità dei suoi protagonisti.

The Young Pope [id., Italia/Francia/Spagna 2016] IDEATORE Paolo Sorrentino.
CAST Jude Law, Diane Keaton, Silvio Orlando, Javier Cámara, Cécile de France, Ludivine Sagnier.
REGIA Paolo Sorrentino. SCENEGGIATURA Paolo Sorrentino, Stefano Rulli, Tony Grisoni, Umberto Contarello. FOTOGRAFIA Luca Bigazzi. MUSICHE Lele Marchitelli.
Drammatico, durata 46-60 minuti (episodio), stagione 1.

The Young Pope – Season 1
3.63 8 72.5%

2 Comments

  1. Adone666 says:

    Io lo trovo un prodotto perfetto. La casa interessante è che – come nella grande bellezza – noi vi è alcuno scarto valoriale tra enunciatore ed enunciato. Il vuoto è rappresentato non in quanto rimando ma in quanto manifestazione (barocca) del niente. Chi taccia Sorrentino di “superficialità”, di “snobismo”, di “affettazione”, non capisce una bella fava di niente; visto che questi ultimi sono proprio gli obiettivi dei suoi film. Come dire che “Profondo Rosso” è brutto perché fa paura: e cosa deve fare? Su non mi fate incazzare.

    (Non tu eh Marco Longo, la tua recensione è impeccabile)

  2. Mione says:

    Bahhhhhhhh il solito sorrentino, tutto forma e poca sostanza

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly