adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali

sabato 17 Dicembre, 2016 | di Nicola Peirano
Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali
In sala
5
Facebooktwittermail
Voto autore:

Mary Poppins e i suoi supereroi
L’adolescente Jacob trascorre una vita ordinaria e segnata dal bullismo, in cui i genitori recitano appena il ruolo di comparse. Solo il nonno ha un ascendente positivo su di lui, e gli racconta di un mondo lontano governato dalla magia.

Così, quando una notte il nonno muore in circostanze inquietanti, Jacob si mette in viaggio seguendo proprio le sue indicazioni e scopre, all’interno di un paradosso temporale, Miss Peregrine e la sua casa per “ragazzi speciali”, giovani “freak” dai poteri soprannaturali che la donna difende da mostri decisi a distruggerli. mediacritica_miss_peregrine_la_casa_dei_ragazzi_speciali_290Tim Burton trae dal romanzo di Ransom Riggs un film non memorabile, ma che forse non va accostato troppo frettolosamente a ben più evidenti scivoloni della sua produzione post-duemila, come Alice in Wonderland o Dark Shadows. Rispetto allo stanco riciclo di formule obsolete che aveva fatto giustamente storcere il naso di fronte a queste opere, qui Burton cerca con più convinzione di riprendere il filo interrotto delle sue trovate più felici, riuscendovi a intermittenza. Laddove prima emergeva una certa povertà di inventiva, ora è soprattutto un difetto di amalgama a far sì che il film non decolli. Miss Peregrine si apre all’insegna del mistero, creando un’attesa che sostanzialmente risulta appagata quando Jacob entra nel mondo straordinario. Alla descrizione di questa curiosa realtà parallela viene dedicato uno spazio considerevole, rallentando il ritmo del racconto per concedersi anche qualche momento di riuscito lirismo e, soprattutto, avendo cura di esporre il meccanismo del paradosso temporale e anticipare l’entrata in scena delle forze del male. Esposizione e azione però non riescono a completarsi a vicenda, ed ecco che, quando i nodi dovrebbero venire al pettine, non solo l’aspettativa di scoprire un gruppo di cattivi con la “C maiuscola” viene disattesa, ma è la stessa narrazione a perdere di lucidità più si procede verso il finale. L’impressione generale diventa pertanto quella di un insieme di stili, dal fantasy all’horror, di ritmi, ora distesi ora incalzanti, e di tempi, dal presente al passato e viceversa, dove i conti non sempre tornano. A ciò si unisce una caratterizzazione del protagonista debole e un generale distacco emotivo verso le vicende dei personaggi, che non permettono di prendere troppo sul serio questa storia di ragazzi coi superpoteri, ma inducono a considerarla poco più che un esperimento o un momento di riflessione sulla propria poetica. Una fiammella sotto la cenere c’è, ma non basta per fare di Miss Peregrine quello che sarebbe potuto diventare.

Miss Peregrine – La casa dei ragazzi speciali [Miss Peregrine’s Home for Peculiar Children, USA 2016] REGIA Tim Burton.
CAST Eva Green, Asa Butterfield, Ella Purnell, Samuel L. Jackson, Judy Dench, Terence Stamp.
SCENEGGIATURA Jane Goldman. FOTOGRAFIA Bruno Delbonnel. MUSICHE Michael Highmam, Matthew Margeson.
Fantastico, durata 127 minuti.

5 Comments

  1. Burton says:

    Davvero fallimentare questo film! Tim ha perso estro e creatività.

  2. Polizei says:

    Un film banalissimo, senza paura di risultare tedioso. Cosa è successo a Burton? Non ne azzecca più una…mamma mia!

  3. Giancarlo says:

    Un film freddo, assai disequilibrato nella sua struttura, artificiale e senza pretese.

  4. Lomia says:

    Un filmetto senza pretese e banalotto. Peccato, l’atmosfera era quella burtoniana…

  5. Stracchino nonno nanni says:

    Non so che pensare. Brutto come pochi altri film di Tim Burton. Ha proprio perso lasua potenza incantatrice, è diventato uno storytellere commerciale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly