adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

La sirenetta (1989)

sabato 24 Dicembre, 2016 | di Lisa Cecconi
La sirenetta (1989)
Film History
0
Facebooktwittermail
Voto autore:

SPECIALE CLASSICI DISNEY
Muta come un’umana
Forse non tutti sanno che, nella fiaba originale, La sirenetta fa una pessima fine. Ignorata dal principe dopo ogni genere di sofferenza, si dissolve in inconsistente spuma del mare, muovendo a pietà solo gli spiriti dell’aria.

Non sorprende che la Disney abbia chiamato Ariel la sua sirenetta, edulcorando il testo di H. C. Andersen con la certezza di un lieto fine. Ma il monito della fiaba, per cui tradire la propria natura spesso non porta a niente di buono, ha assunto connotati anche più espliciti. Ecco perché un film realizzato nel 1989, dopo quasi cinquant’anni di gestazione, risulta tutt’ora tragicamente attuale.mediacritica_la_sirenetta_290 Sull’onda − è il caso di dirlo − della fase adolescenziale, Ariel vive a cavallo tra l’infanzia della fantasia (l’incantato Regno del mare) e le attrattive dell’età adulta (la “civiltà” della superficie). Curiosa quanto famelica di libertà, Ariel sogna culture sconosciute collezionandone gli oggetti, mentre il padre tuona autoritario che gli umani andrebbero tutti affogati. Nuova ai tormenti dell’innamoramento, la sirenetta canta sospirosa, mentre la Strega sentenzia che gli uomini preferiscono le donne zitte, possibilmente dotate di un bel paio di gambe. Il poco velato simbolismo della fiaba si traduce quindi in aperta critica e avvia lo scontro generazionale. Purtroppo, la difesa dell’agognata indipendenza si arena nel finale in un canonico “passaggio di consegne” tra la protezione paterna e l’amore coniugale. Per un’eroina più autonoma e consapevole bisognerà attendere La bella e la bestia. A La sirenetta rimane il merito di spunti non banali, oltre a quello artistico e commerciale di aver inaugurato il Rinascimento di Disney, dopo la crisi che l’affliggeva fin dai primi anni Settanta. Frutto di uno sforzo produttivo eccezionale, La sirenetta è infatti un film particolarmente riuscito, sia nel connubio tra effetti speciali e accuratezza artigianale che nella grandiosità delle sequenze corali. Fu l’ultimo film Disney colorato a mano e uno dei primi ad usare gli attori come base di ispirazione per i movimenti. Ma è anche quello che ha riportato in auge il ruolo delle musiche, affidandone la composizione a due navigati autori di Broadway, come Alan Menken e Howard Hashman. Il cuoco Maurice che canta Les poissons sventrando pesci davanti al granchio Sebastian − anticipando peraltro di anni la scena più esilarante di Sausage Party − resta un esempio della colonna sonora che ha vinto l’Oscar nel 1990. Ma è anche la sintesi di due mondi inconciliabili, dove il confine si attraversa senza poter tornare più indietro. A bordo della nave che salpa nel finale, Ariel non si lascia alle spalle solo il padre e il variopinto Popolo del mare. Saluta per sempre quella fase fantastica dove ogni giorno è una nuova scoperta, gli impegni si possono dimenticare e una forchetta è un “arriccia-spiccia”.

La sirenetta [The Little Mermaid, USA 1989] REGIA Ron Clements, John Musker.
CAST (DOPPIATORI ORIGINALI) Jodi Benson, Christopher Daniel Barnes, Samuel E. Wright, Jason Marin.
CAST (DOPPIATORI ITALIANI) Simona Patitucci, Vittorio De Angelis, Ronny Grant, Katia Folco.
SCENEGGIATURA John Musker, Ron Clements. MONTAGGIO Mark A. Hester. MUSICHE Alan Menken.
Animazione, durata 83 minuti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly