adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Money

sabato 7 gennaio, 2017 | di Andrea Moschioni Fioretti
Money
Inediti
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Esordi mancati
Il cinema di genere non smette mai di esistere e, spesso, è il banco di prova per un regista esordiente: Martin Rosete con il suo Money si cimenta nel più classico dei thriller, calcando la mano sugli stereotipi del caso.

Money è un film breve che si consuma facilmente senza dover ricercare sottotrame cervellotiche: due amici soci in affari decidono di scappare con 5 milioni di dollari, ma proprio mentre stanno organizzando la fuga, durante una cena, una visita inaspettata bloccherà i loro sogni… ma niente è come sembra e i soldi fanno gola a tutti. mediacritica_money_290Fin dai titoli di testa si intuisce la tesi che Rosete ci vuole proporre: i soldi sono il motore del mondo sia nel bene che nel male, e da essi l’uomo non può esimersi, anche se spesso sono causa di problemi. Lo sanno bene i due protagonisti che illudendosi di aver fatto il “colpo perfetto”, si ritroveranno a fare i conti con un gioco più grande di loro. Mai appropriarsi di qualcosa che non è tuo, il destino è sempre dietro l’angolo e saprà fotterti: crisi o non crisi, dall’alba dei tempi siamo stati avidi e la nostra bramosia ci conduce all’inferno. Passando alla struttura utilizzata da Rosete si può intravedere il peggio del thriller da tv movie con bellocci, lusso ostentato e recitazione ai minimi termini, con il cattivo di turno che magicamente sa fuggire dalle situazioni più complicate con una maestria invidiabile. Anche gli altri personaggi hanno un arco di trasformazione deludente: l’uomo che fa il passo più lungo della gamba ma che poi si pente, la moglie incredula e finta santa, l’amico strafatto di cocaina che non ha paura di niente e la sua compagna dal passato e presente dubbioso. Ma allo stesso tempo la situazione claustrofobica e l’utilizzo della macchina da presa, libera e “morbida”, risolleva l’attenzione dello spettatore, facendo uscire maggiormente le intuizioni registiche sulla banalità del plot e degli attori. In alcuni passaggi, in cui scorre il sangue e si mozzano dita, sembra che il film viri per una strada meno convenzionale, ma gli essenziali attimi di suspense fanno subito tornare alla realtà. Dispiace perché Money avrebbe potuto essere un esordio interessante ma – forse per il basso budget (che però non deve mai essere una scusa, anzi), o forse per l’inespressività attoriale – a conti fatti non sentiremo molto parlare di lui in futuro.

Money [id., USA/Spagna 2016] REGIA Martin Rosete.
CAST Jamie Bamber, Kellan Lutz, Jesse Williams, Jess Weixler.
SCENEGGIATURA Josep Ciutat. FOTOGRAFIA Jose Martin Rosete. MUSICHE Alfonso González Aguilar.
Thriller, durata 86 minuti.

Money
1.5 4 30%

2 Comments

  1. Erbotto says:

    Scusate ma… chi ve l’ha fatto fare di scrivere di questa “cosa”?! Con tutti gli inediti di qualità che ci sono in giro! Forse dovete parlare anche di inediti brutti, boh

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.