adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Silence

sabato 14 Gennaio, 2017 | di Massimo Padoin
Silence
In sala
3
Facebooktwittermail
Voto autore:

Mistero della fede
Silence prende inizio da una necessità difficile da accettare, da qualcosa che probabilmente ha poco senso da un punto di vista spettatoriale. Due preti gesuiti partono verso il Giappone per smentire la notizia che il loro mentore, padre Ferreira, ha abiurato la fede. Una missione sostanzialmente suicida, data la tremenda persecuzione cui i cristiani erano oggetto nel 1600 in Sol Levante, e ancora di più perché da anni non ci sono più notizie dallo stesso padre Ferreira.

Silence parte da uno spunto che, oggi, non tutti potrebbero giustificare, la necessità di comprovare la fede di una persona situata all’altro capo del mondo, e di essere presenti per chi crede in Cristo ma è costretto a professarlo in segreto. Non c’è più speranza di convertire la popolazione, non c’è margine per agire liberamente, la missione è dichiaratamente fin da subito un qualcosa d’inspiegabile razionalmente che sfugge alle logiche del racconto.mediacritica_silence_290 Silence è un film importante proprio per essere nato da una necessità che trascende le regole del racconto più comuni, senza manifestare i bisogni personali per giustificare se stesso. I due non lo intraprendono per sé (già convinti della fede) o per gli altri (il Giappone è un Paese già perduto) o per lo stesso padre Ferreira (un fantasma avvolto solo da speculazioni), ma il senso si situa nell’idea stessa di non avere uno scopo preciso e si rivelerà – o si mostrerà nella non rivelazione, dipende dai punti di vista – in quel silenzio di Dio che fin dal titolo raccoglie tutto il senso (o non senso) della fede nella pellicola. È il paradosso della fede a essere manifesto: credere incorrottamente a qualcosa di cui non avremo mai prova tangibile, neanche quando le torture fisiche mettono allo stremo le persone, e dalle quali ci si potrebbe liberarsi “solamente” appoggiando il piede su un santino. Scarto tra corpo e spirito che sarà la chiave di tortura invece per uno dei due padri missionari. Si capisce allora la lunga attesa di Scorsese prima di realizzare Silence, dettata appunto da una necessità, quella di affrontare apertamente, ricco di criticità e dubbi, un discorso sulla fede di fondo incrollabile. Il mistero della fede è e deve rimanere tale, anche e soprattutto per chi lo vive laicamente e in un certo senso scetticamente. Per questo il vero fulcro del racconto si rivela essere un personaggio secondario, Mokichi (interpretato da Shinya Tsukamoto), un ubriacone cristiano che più volte ha rinnegato la fede, ma ripetutamente torna a cercare il perdono tramite la confessione, e che sarà fautore di tutte le disgrazie dei due preti. Come un piccolo Giuda, traditore per propria convenienza, si cela il segreto di un’amore spirituale che richiede l’odio terreno per essere compreso, e provare sulla propria pelle la difficoltà di una delle prerogative cristiane, amare il prossimo tuo come se stessi, a dispetto di tutto. Silence è un film immenso proprio per la sua silenziosità e discrezione, oggetto di una necessità inspiegabile razionalmente, sia nel rapporto con la fede che cinematograficamente, ed esempio di un cinema che solo raramente si è visto.

Silence [id., USA 2016] REGIA Martin Scorsese.
CAST Andrew Garfield, Adam Driver, Liam Neeson, Shinya Tsukamoto.
SCENEGGIATURA Martin Scorsese, Jay Cocks. FOTOGRAFIA Rodrigo Prieto. MUSICHE Kim Allen Kluge, Kathryn Kluge.
Drammatico/Storico, durata 161 minuti.

3 Comments

  1. brics says:

    Uno Scorsese minore per me.
    Cioè una spanna sopra al 90% degli altri film/registi americani.

  2. Spencer says:

    Un film a tratti imperfetto, ma che riesce a unire una certa profondità “tematica” al grande senso di Scorsese per il cinema e lo spettacolo.

  3. Pingback: La Top Ten Mediacritica 2017 - Mediacritica – Un progetto di critica cinematografica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly