adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Smetto quando voglio – Masterclass

sabato 4 febbraio, 2017 | di Filippo Zoratti
Smetto quando voglio – Masterclass
In sala
3
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

I disperati che salveranno Roma
Quando si parla di “rinascimento” del cinema di genere in Italia, spesso si citano come esempi lungimiranti Lo chiamavano Jeeg Robot e Veloce come il vento. Ed è vero, i film rispettivamente di Mainetti e Rovere sono due prodotti eccellenti: da un lato lo sfrontato tentativo di film supereroistico in salsa romana; dall’altro una intelligentissima emulazione delle pellicole sportive americane, condita con influenze romagnole.

Ma se di coraggio e nuove strategie produttive stiamo parlando, non esistono solo le due opere sopraccitate: c’è anche Smetto quando voglio, ad esempio. Pur non nascondendo la sua natura derivativa (le analogie a Breaking Bad sono molte, per quanto siano servite solo da spunto) la action comedy di Sidney Sibilia è stata per molti un immediato colpo di fulmine nel 2014.mediacritica_smetto_quando_voglio_masterclass_290 Due le principali carte vincenti del prodotto: il continuo riferimento alla reale situazione lavorativa italiana – con la laurea che diventa quasi un peso da nascondere – e la pressoché totale incapacità di prendersi sul serio. Il tono di Smetto quando voglio è la tragicommedia, lo stesso che attraversa il pubblico di riferimento del film, ovvero i trentenni immersi nel mondo dei voucher e della bieca sottostima delle proprie capacità. Smetto quando voglio – Masterclass riparte da qui, e anzi aumenta il carico: la banda dei ricercatori è nei guai, e per poter riavere la propria fedina pulita accetta l’offerta di collaborare in incognito con la polizia per bloccare lo spaccio delle smart drugs in circolazione. Il problema per lo spettatore è la necessaria conoscenza pregressa del capostipite (risolta attraverso un preambolo frizzante ma forse troppo articolato), mentre l’annosa questione per i protagonisti è se giocarsi il tutto per tutto passando dalla parte dei – sulla carta – “buoni”. «La sicurezza di Roma è in mano a questi disperati?» dirà il commissario molto dubbioso sulla validità dell’operazione, ed è probabilmente la chiave di lettura più interessante della sceneggiatura scritta tra gli altri da Luigi Di Capua dei The Pills. Perché – come la drammaturgia americana insegna – il mondo può essere salvato solo da un manipolo di emarginati, un branco di reietti della società. Che in Italia sono le migliori menti scentifiche sulla piazza, tanto per capirsi. Un incastro che funziona anche metacinematograficamente: in scena c’è un drappello di attori sottovalutati del cinema italico, formato non a caso da alcuni personaggi (Pietro Sermonti, Valerio Aprea, Paolo Calabresi) della fuoriserie Boris. Per quanto questo sequel possa risultare a tratti poco credibile e macchinoso in alcuni passaggi, non si può negare l’evidenza: la trilogia (ebbene sì) di Smetto quando voglio è un progetto di qualità, da sostenere e difendere.

Smetto quando voglio – Masterclass [Italia 2017] REGIA Sidney Sibilia.
CAST Edoardo Leo, Greta Scarano, Pietro Sermonti, Valeria Solarino, Giampaolo Morelli.
SCENEGGIATURA Sydney Sibilia, Francesca Manieri, Luigi Di Capua. FOTOGRAFIA Vladan Radovic. MONTAGGIO Gianni Vezzosi.
Commedia/Azione, durata 118 minuti.

Smetto quando voglio – Masterclass
2.57 14 51.43%

3 Comments

  1. Kiac says:

    Sinceramente a me spiace diventi una trilogia! Soprattutto annunciata così clamorosamente… però continuo ad apprezzare la qualità, come scritto qua

  2. Sensei says:

    Per me ha perso la spontaneità del primo.. tutto è portato all’eccesso, compresi i lati più peculiari dei singoli personaggi.
    Non so mi sembra un’operazione molto studiata, forse troppo. Crew e attori si divertono sicuramente molto, il pubblico non so.

  3. Spencer says:

    L’ho trovato un film discreto, ma meno riuscito del primo, soprattutto a causa della parte iniziale, eccessivamente prolissa.
    Interessante invece il mix di cinema e televisione, evidente anche per come viene annunciato il terzo capitolo della trilogia.

    Secondo voi potrebbe funzionare come serie?

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly