adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

The OA – Season 1

sabato 4 febbraio, 2017 | di Marco Longo
The OA – Season 1
Serie TV
2
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Danziamo sul mistero
Lanciata da Netflix alla fine del 2016, The OA ha rappresentato per molti un vero e proprio rompicapo, non soltanto per la sua stratificata struttura narrativa, talvolta pericolosamente orientata a provocare la proverbiale sospensione di incredulità dello spettatore, ma soprattutto per la sua essenza leggera e sfuggente, immune a qualsiasi tentativo di sistematizzazione nel panorama della serialità televisiva statunitense.

Il progetto, curato a quattro mani da Brit Marling e Zal Batmanglij, già sodali per i film Sound of My Voice e The East (mentre la prima si distingueva anche nei film di Mike Cahill Another Earth e I Origins), racconta del ritorno a casa della trentenne americana Prairie Johnson, scomparsa e data per morta dopo che, sette anni prima, era fuggita dalla comunità di provincia dove era cresciuta. Cieca da quando i genitori mediacritica_the_oa_290adottivi l’avevano presa con sé, Prairie non solo dimostra di aver perfettamente riacquisito il dono della vista, ma non è disposta a rivelare alcunché di quanto le è accaduto. Tra inquieti sospetti e fondati timori intorno al miracolo che avvolge la sua identità, la giovane elegge cinque persone della cittadina, accomunate da una forte necessità di superamento di una condizione di dolore, per rievocare la sua storia e affidare loro un compito che ha a che fare con la fede in un destino superiore. Impossibile riassumere la trama della prima, discussa stagione, che si muove con doppiezza sia lungo la linea del tempo (al presente si alterna un lunghissimo e misterioso flashback), sia sul piano della fondatezza del racconto, minata a più riprese per alimentare i dubbi sulla salute mentale della protagonista. È una buona serie televisiva The OA? Probabilmente non del tutto. Quello che importa non è giudicarne l’esito, quanto piuttosto l’irresistibile obliquità, unica a partire dalla durata arbitrariamente variabile dei singoli episodi, vicina per così dire alla ricezione dei capitoli di un romanzo piuttosto che di un format audiovisivo standardizzato. Incerta nella messinscena, decisamente inferiore alla media quanto a verosimiglianza recitativa, The OA è un oggetto filmico non meglio identificato che, partendo dal pretesto di sondare il mistero delle esperienze pre-morte, finisce per minare ogni certezza sull’idea stessa di una “buona” formula creativa: è così che, sul margine del paradosso, il racconto arriva perfino a costruire una coreografia di (video)danza, rituale liberatorio e catartico che ammicca al fumetto e allo spettatore lascia un indescrivibile, esotico piacere: quello di iniziare a credere in qualcosa che prima riteneva assurdo.

The OA [id., USA 2016] IDEATORI Brit Marling, Zal Batmanglij.
CAST Brit Marling, Emory Cohen, Scott Wilson, Phyllis Smith, Alice Krige, Patrick Gibson.
Drammatico/Fantascienza, durata 30-60 minuti (episodio), stagione 1.

The OA – Season 1
2.67 6 53.33%

2 Comments

  1. Tula says:

    Ho appena finito di vedere la serie… e, dopo attenta riflessione, propendo per la seguente analisi: è la storia di una malata di mente. E ciaone 😀

  2. Pou says:

    Boh, per me è una vaccata

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.