adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Il dittatore dello stato libero di Bananas (1971)

sabato 11 febbraio, 2017 | di Vincenzo Palermo
Il dittatore dello stato libero di Bananas (1971)
Speciale
9
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

SPECIALE SOVRANI IN CRISI
Cogito ergo sum
Il pensiero filosofico, il linguaggio composito tra alterco, burla e autoironico solipsismo, la parodia della parodia, lo slapstick anti-totalitaristico e le sedute psicanalitiche, l’amore nevrotico e le sociopatie della vita quotidiana. Tutto questo e molto di più sarà Woody Allen, parte di tutto ciò è già Il dittatore dello stato libero di Bananas, film che mette a nudo l’ingranaggio comico del grande autore newyorchese.

Fielding Mellish, collaudatore industriale bistrattato dai genitori e scaricato dall’attivista sociale Nancy, si trova suo malgrado a fare il rivoluzionario nella sconquassata realtà politica della repubblica di Bananas. Fatto presidente dai locali, vivrà colpi di stato e guerriglie finché, una volta tornato negli States sotto copertura, sarà arrestato e processato.mediacritica_bananas_290 Il fatto in sé oggettivo che il film di Allen sia un patchwork di gag sul filo di uno humour anarcoide-insurrezionalista, non nega affatto la struttura coerente dell’opera, dinamica nel racconto e raccordata da leitmotiv musicali che accompagneranno i modelli delle sue comiche fino all’esilarante affresco ucronico di Amore e guerra. La pellicola opera continui transfert tra il mondo popolare e una cultura alt(r)a, producendo quella che potremmo definire distorsione del senso comune, qui anche in senso puramente fisico, in relazione alle acrobazie dell’eroe per caso contro il sistema totalitario. Come poi in quasi tutti i film di Woody Allen, la realtà vissuta sullo schermo viene ricomposta e decostruita attraverso l’ego smisurato di un professionista del libero pensiero e dell’azione comica che mette alla berlina i luoghi comuni sul potere costituito, sul libero arbitrio e sulle dittature parlando, tra le altre cose, di termocoperte killer, genitori castranti (gli stessi nascosti dietro le maschere di Groucho Marx in Prendi i soldi e scappa) e stampe pornografiche in braille opportunamente stropicciate nelle parti sconce. Insomma, è il non-sense esistenzialista che incontra la surrealtà del campo bellico e quello delle istituzioni giudiziarie. È infatti in un’aula di tribunale che avviene la scena-assolo più rappresentativa del film e del narcisismo spudorato del protagonista: l’auto-difesa di Fielding che assume di volta in volta la veste di pubblica accusa e accusato. In questo senso dunque Il dittatore dello stato libero di Bananas diventa una parabola fanta-politica, poiché l’“alieno” Allen utilizza codici linguistici e gestuali suoi propri, all’interno di un burlesque che, in un gap assoluto tra ambiente metropolitano e isolano, deve necessariamente fare i conti con un uomo solo al comando: Mellish-Allen, naturalmente.

Il dittatore dello stato libero di Bananas [Bananas, USA 1971] REGIA Woody Allen.
CAST Woody Allen, Louise Lasser, Carlos Montalbán, Sylvester Stallone.
SCENEGGIATURA Woody Allen, Mickey Rose. FOTOGRAFIA Andrew M. Costikyan. MUSICHE Marvin Hamlisch.
Commedia, durata 82 minuti.

Il dittatore dello stato libero di Bananas (1971)
4.81 21 96.19%

9 Comments

  1. Mood says:

    La sparo: forse il miglior Allen in assoluto? Quasi quasi…

  2. slapstick! says:

    Sicuramente il miglior Allen comico puro; e sicuramente almeno nella top-ten dei suoi migliori film in assoluto

  3. Paco says:

    Azzardiamo pure, uno dei migliori allen-1

  4. Woody56 says:

    Sì, d’accordo con la lettura. Incisiva e pertinente. Di sicuro il migliore Allen comico. Continuerò a seguirvi!

  5. Moschio says:

    Sì sì uno dei migliori!

  6. Giacomo says:

    Ma io e annie non si batte! Questo non lo avevo visto, l’ho recuperato dopo la recensione e mi è tanto piaciuto!

  7. Melinda says:

    Anche io concordo, è il mio preferito! Bello lo speciale!

  8. Molteni says:

    In effetti è bello, ma il dormiglione, magari per il mio particolare gusto, è ancora più divertente!

  9. Ludovica says:

    Il film è davvero programmatico e svela il meccanismo della comicità alleniana con talmente tanta naturalezza da lasciare a bocca aperta. Ancora oggi attuale e pungente, devo dire.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.