adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

Questa settimana

Rester vertical

sabato 11 febbraio, 2017 | di Erasmo De Meo
Rester vertical
Inediti
5
Facebooktwittergoogle_plusmail
Voto autore:

Lupi nella notte
Rester vertical ha scosso l’ultima edizione del Festival di Cannes ed ha lasciato di stucco la critica francese che l’ha osannato per mesi. Fuori di Francia invece ha trovato scetticismo e scarso seguito.

Proviamo con questo contributo ad aggiungere un tassello alla risposta un po’ blanda del nostro paese e lo facciamo tirando in ballo Buñuel e la sua poetica a cui Guiraudie, con questo film e con il precedente Lo sconosciuto del lago, sembra rifarsi, almeno per il coefficiente di provocazione che sfida lo spettatore. mediacritica_rester_vertical_290Quello che altrove sarebbe stato un ritratto patinato o pietoso dello sceneggiatore in crisi, senza storie né quattrini, in Rester vertical è un abbozzo distaccato che disegna la figura di Léo né per farne una storia o ritagliare un argomento, né per indurre discussioni o svelare atteggiamenti. Come in Buñuel la realtà è un guanto che, per quanto possiamo ingannarci, esiste sia con la sua faccia esterna, costruita e disposta per essere giudicata e misurata, sia col suo risvolto, pieno di cuciture e addizioni necessarie alla funzionalità, brutto nel suo disordine difettoso. Léo non consegnerà mai la sceneggiatura richiesta insistentemente al telefono dal produttore, perché questa non c’è e perché quello che all’esterno è un professionista dedito e capace, all’interno è un uomo in stato confusionale, privo di geometrie di sensatezza in cui orientarsi e pieno degli stessi difetti di un guanto che lo rendono allo stesso tempo umano e anti-sociale. Queste contraddizioni sono le fratture che danno anima al film, che alternano a sequenze ordinarie e comunemente significative, sequenze per cui gli aggettivi nudo e crudo bastano fino ad un certo punto. I moralisti le definirebbero intollerabili perché dell’uomo e di ciò che di lui viene messo in mostra si tollera solo la parte ordinata con cesure e vistosissimi vuoti che razionalmente non si sostengono. Una scena mostra il parto di una donna senza tagli, censure o illusioni ottiche, dovrebbe essere la nascita del figlio di Léo e di Marie, una donna che aiuta il padre nella pastorizia, conosciuta durante un’escursione a piedi, ma sappiamo benissimo che è una nascita qualunque, di una donna qualunque. La verità non sta nel protagonista come non sta nel personaggio, la verità è nel gesto di nascere, uguale per tutti, ugualmente sporco e indecente, di cui vogliamo vedere solo la tenerezza successiva, la calma del sonno e la tutina colorata. Guiraudie grida e urla che siamo altro, siamo anche la parte che non vogliamo vedere, e allora Léo e le sue vicende ci sembrano un pretesto qualunque, il cui testo è l’uomo fuori dalla convenzione sociale, attratto e repulso dagli istinti, che trova vita nel morire fisico o nel morire di ogni speranza di inclusione o soddisfatta limitazione. Riusciamo ancora a scandalizzarci per discorsi simili? A quanto pare sì. Siamo ancora l’agnello circondato dai lupi della coscienza.

Rester vertical [Id., Francia 2016] REGIA Alain Guiraudie.
CAST Damien Bonnard, India Hair, Christian Bouillette, Basile Meilleurat.
SCENEGGIATURA Alain Guiraudie. FOTOGRAFIA Claire Mathon.
Drammatico, durata 98 minuti.

Rester vertical
3.17 6 63.33%

5 Comments

  1. Spencer says:

    Bella recensione! Quando l’avevo visto a Torino ero rimasto piuttosto perplesso, ma questa lettura mi convince!

  2. Edop says:

    Bella recensione sì! anche io ero rimasto un po’ combattuto vedendolo a Torino e la tua recensione mi ha un po’ schiarito le idee (e fatto guadagnare qualche punto al film ;))

  3. Erasmo says:

    Ma che bello smuovere due pareri!
    L’avrò già detto altre volte ma sono queste le soddisfazioni più grandi per chi scrive.
    Poi mi permetto una riflessione: quando si guarda o riguarda un film sapendo di doverne poi scrivere o parlare si attivano dei neuroni “salva-film” che ti permettono di superare la godibilità spettatoriale per quanto sapiente, competente e saggia, e cercare altro, cercare di decostruire il più possibile. Che ne dite? Lo dico perché mi rendo conto che forse se avessi visto questo film in altri contesti e senza testi da elaborare l’avrei giudicato diversamente e molto probabilmente al ribasso.

    • Edop says:

      Sono d’accordo con te! In particolare poi durante i festival, quando vedi 3-4 film al giorno e rischi così che non ti arrivino i film più, come dire, problematici (in senso buono) perché non hai tempo di rielaborare e riflettere; infatti tendo sempre a recuperare i film che ai festival mi hanno lasciato un po’ perplesso

      • Spencer says:

        Sì sono d’accordo anch’io, quando si deve recensire un film il modo di vedere si fa diverso, in qualche modo più meditativo. E in effetti quando si è ai festival alcuni film arrivano meno, soprattutto negli ultimi giorni di programmazione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.