adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Berlinale 2017: le sezioni collaterali

sabato 18 Febbraio, 2017 | di Emanuele Rauco
Berlinale 2017: le sezioni collaterali
Berlinale
0
Facebooktwittermail

67. Berlinale – Berlin International Film Festival, 9 – 19 febbraio 2017, Berlino

Piccole perle da non trascurare
Mettiamo al bando la discussione sul ruolo dei critici: se servono – quando servono – a qualcosa è per scoprire il nuovo e il diverso e mostrarlo agli altri, sperando ne approfittino. Così, una delle cose migliori da fare in un festival è ritagliarsi un angolo per cercare nelle sezioni collaterali, fuori dal glamour dei concorsi, delle perle da regalare ai lettori. E Berlino in questo senso è un campo ricco.

Uno dei film migliori (forse il migliore) dell’intero festival è In the Intense Now di Joao Moreira Salles, presentato nella sezione “Panorama Documentari”: il film racconta l’evoluzione del ’68, dai sogni di gloria parigini alla débâcle di Praga attraverso i filmati amatoriali girati all’epoca, attraverso gli sguardi in prima persona dei militanti, partendo dagli occhi dei suoi familiari. mediacritica_berlinale_2017_le_sezioni_collaterali_290Oltre all’appassionante racconto di un anno di grande intensità, Salles fa un accurato lavoro di critica alle immagini e delle immagini, utilizza la voce fuori campo per saldare storia e racconti ma soprattutto per analizzare cosa mostrano le immagini, come si mostrano, cosa racchiudono; perché ogni sguardo non è mai neutro, non è mai innocente. Un atto di riflessione intellettuale che è anche un commovente capitolo di storia personale. Ancora il Brasile stupisce, nella sezione “Generation” dedicata ai film con ragazzi, bambini o adolescenti, con Don’t Swallow My Heart, Alligator Girl! di Felipe Bragança, il quale al secondo lungometraggio conquista con un film di grande intensità e fulgore stilistico raccontando una lotta tra bande adolescenziali – tra West Side Story e Strade di fuoco – come una fiaba crudele, come un visionario e lussureggiante gioco di bambini in cui la magia della messinscena trasfigura la durezza della crescita. Una folgorazione avventurosa, uno di quei film che sa creare un mondo dal quale vorremmo non uscire più. Una piccola delizia, delicata e intimista arriva dal Giappone: Close-Knit, una dolcissima commedia familiare diretta da Naoko Ogigami che racconta di una bambina cresciuta da una madre assente che impara a conoscere e amare la nuova donna del padre, una transessuale. Sul tema dei ribaltamenti di ruolo e di genere classico nella narrativa moderna nipponica, Ogigami costruisce un film di grandissima cura nella descrizione dei personaggi, abile nel rendere i sentimenti, senza calcare mai troppo la mano del dramma facile ma rincorrendo le sfumature, i piccoli gesti. Un film tradizionale eppure sovversivo presentato in “Panorama”. E infine, sempre in “Panorama”, una scoperta neozelandese, o meglio samoana: One Thousand Ropes di Tusi Tamasese, dramma soprannaturale in cui un vecchio curatore che pratica una versione ancestrale dell’ostetricia deve affrontare il fantasma di una donna che gli si è insediato in casa per ricordargli una sua colpa. Un plot da horror giapponese diventa un modo intelligente, originale ed efficace per raccontare un dramma in cui il racconto universale possa sposarsi con una cultura lontana, con tradizioni e atmosfere inconsuete, come la città e i villaggi che si trovano a pochi passi di distanza. Gli antipodi si toccano: ed è ciò che di meglio si può augurare a un festival di cinema e d’arte.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly