adidas nmd city sock adidas nmd city sock adidas nmd city sock gum pack release date info adidas NMD R1 Trail adidas nmd city sock gum soles adidas nmd city sock gum pack adidas nmd city sock nmd city sock primeknit core blacklush blue adidas nmd city sock black gum where to buy adidas nmd city sock winter wool adidas nmd city sock primeknit s79150 core black adidas nmd city sock core black adidas nmd primeknit city sock black adidas nmd city sock core black lush blue release date adidas NMD R1 PK adidas nmd chukka receives og colorway NMD City Sock PK adidas nmd chukka 2 adidas NMD R1 Triple Black comparing og adidas nmd r1 nmd chukka

In questo numero

Oscar 2017: la barricata culturale del Cinema “contro”

sabato 18 Febbraio, 2017 | di Mauro Valentini
Oscar 2017: la barricata culturale del Cinema “contro”
Editoriale
6
Facebooktwittergoogle_plusmail

Tanti film, ben nove, in gara per questa 89° edizione del premio più ambito, viatico per un successo al botteghino che ultimamente i Festival europei non sanno più regalare, chiusi come sono dentro un’ampolla elitaria che sfiora il paradosso girando le spalle al grande pubblico.

Non che l’Oscar 2017 presenti nella gara finale film popolari, tutt’altro, ma tutti hanno la capacità di andare incontro allo spettatore, scuoterlo dalla poltrona e addirittura farlo ballare, come riesce a La La Land, il musical di Damien Chazelle che batte tutti i record di nomination. Ma insieme al duo danzante Gosling-Stone c’è tanta qualità narrativa, con tre film che – dopo il Sundance e Toronto – arrivano dalla Festa del Cinema di Roma: Manchester by the Sea, Lion e Moonlight, quest’ultimo vero e proprio outsider. Il film di Barry Jenkins infatti sembra avere dentro l’energia giusta per dar la possibilità ai giurati di sorprendere, lanciando anche, in un momento così difficile per l’America di Trump, un messaggio forte e schierato.
I ghetti, l’emarginazione e l’omosessualità, tutto ciò di cui si dibatte ora negli Stati Uniti è racchiuso in quest’opera “contro” che, con preveggente sagacia, diventa “barricata culturale” per dirla con le parole di David Rooney, editorialista di Hollywood Reporter. Ed in effetti ho la sensazione che mai come in questa edizione il mondo del Cinema attraverso i suoi giurati possa mandare un segno di grande “resistenza”, visto lo scontro frontale che l’ultima campagna elettorale ha espresso e che l’elezione del tycoon newyorkese ha acuito con il mondo della settima arte. Uno scontro che ha visto in prima fila anche una delle candidate all’Oscar, Meryl Streep, apostrofata dal neo presidente con epiteti mai sentiti nella sala ovale neanche nel becero periodo di “W” Bush.
La sorpresa allora può esser Moonlight, visto che la Festa di Roma porta anche fortuna (o meglio sa scegliere); chi è passato dalle sponde del Tevere infatti ha spesso trionfato a Los Angeles, è già accaduto a Still Alice, Dallas Buyers Club e Her.
E gli italiani? Beh, la soddisfazione per la candidatura a Miglior Documentario del sopravvalutato Fuocoammare di Rosi ci può bastare. Al netto dell’emozione che il film ha suscitato, esso obiettivamente sembra lontano miglia nautiche dal premio.
Certo, indovinare cosa passa nella mente dei giurati è compito arduo, ma non impossibile. Mi espongo in una previsione, pronto ad esser smentito: Miglior Film Lion per la sua toccante storia d’immigrazione; Miglior Regia a Chazelle perché La La Land è sublime; Miglior Attore Viggo Mortensen per il suo Captain Fantastic; Miglior Attrice Natalie Portman per la sua Jackie, perché mai come quest’anno la nostalgia per un uomo come JFK si farà sentire.

6 Comments

  1. Bago says:

    Venezia, ancora più di Roma, ha segnato le edizioni degli Oscar degli ultimi anni… Gravity, Spotlight, Birdman, quest’anno La La Land. Che (parere personale) quest’anno sbanca portando a casa almeno 7/8 Oscar. Lion è oggettivamente un outsider, ma chissà… anche Ang Lee qualche anno fa ha portato a casa la Miglior Regia nonostante fosse quotato pochissimo.

  2. Aleksandra says:

    Secondo me sono sbagliate tutte e 4 le previsioni! Forse perché troppo personali, boh… Film La La Land; Regia Moonlight; Attrice Emma Stone e Attore Casey Affleck 🙂

  3. Peter says:

    Secondo me andrà così: Film “La La Land”, Regia Dsmien Chazelle, Attore Casey Affleck, Attrice Emma Stone

  4. Jambalaya says:

    Sarà certamente un bel momento in cui le élite di città celebreranno la propria apertura mentale, sessuale e multiculturalità, provando a scordare il fatto che il loro parere non è più ascoltato, che il loro endorsement per la Clinton non è servito a nulla (o, addirittura, è stato controproducente) perché la gente comune li percepisce establishment.
    Sì, gli Oscar sono una barricata, e in quanto tale finiranno per rimanere inascoltati, per isolare ancora di più la classe agiata e progressista dal mondo in cui vive.

  5. Silvy says:

    È se andasse così?….Film: Moonlight; regia: Damien Chazelle; attrice: Isabelle Huppert; attore: Andrew Garfield

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

adidas yeezy boost 350 turtle dove transcends sneakers adidas yeezy 350 boost turtle dove restock re release adidas yeezy 350 boost black release date yeezy 350 boost low yeezy boost 350 pirate black yeezy boost 350 low adidas yeezy boost 350 v2 black white yeezy boost 350 moonrock adidas yeezy 350 boost moonrock release date moonrock yeezy 350 boost legit real fake on foot look adidas yeezy boost 350 oxford tan adidas yeezy boost 350 v2 zebra another look adidas yeezy boost 350 oxford tan even more images yeezy 350 moonrock release date adidas yeezy 350 boost black adidas yeezy 350 boost low heres where you can cop the black adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost low adidas yeezy 350 boost 10 reasons why the adidas yeezy 350 boost will sell out instantly